Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fabio Rovazzi e la fidanzata Karen nell'Area 51. Cacciati dai militari: «Sconvolto, rischiato...»

Fabio Rovazzi e la fidanzata Karen nell'Area 51. Cacciati dai militari: «Sconvolto, rischiato...»
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 14 Agosto 2019, 21:03 - Ultimo aggiornamento: 22:19

Fabio Rovazzi e la fidanzata Karen Kokeshi, in viaggio negli Stati Uniti si avventurano nella leggendaria Area 51, base militare statunitense sita in Nevada in cui verrebbero custoditi i segreti riguardanti gli alieni, ma viene fatto velocemente allontanare dai minacciosi militari.

Alieni, un milione di americani vogliono assaltare Area 51. Pentagono: «Spariamo se si avvicinano»

«Se gli alieni esistono, capteremo i segnali». Ecco Ska, il radiotelescopio più grande del pianeta
 





 
A raccontare l’accaduto il cantante dal suo account instagram. Rovazzi ha prima condiviso una foto che lo vede con Karen presso l’Area, seguito dalla didascalia: “Quello che vedete in fondo alla strada è il vero ingresso dell’Area 51 👽 Noi volevamo solo adottare un alieno ma.... non l’hanno presa benissimo (nonostante i miei calzini)😅 Guardate le mie storie se ve le siete perse”. Poi un video in cui si avvicina al cancello e parlando alla fidanzata esclama preoccupato: “Amore, mi sa che ci siamo avvicinati troppo”.



Nelle stories tutta il viaggio: mentre percorre la strada piena di stazioni di servizio con tema alieno, quando avvista un velivolo non identificato che scompare nei cieli e infine l’incontro con i militari: “Volevamo fare la foto col cartello “non oltrepassare, area top secret” – ha spiegato dal social - ma abbiamo sbagliato qualcosa e siamo arrivati davvero davanti all’Area 51. I militari ci hanno urlato dagli speaker di andare via. Sono uscite tipo venti telecamere e una si è posizionata sopra alla nostra macchina. Sono sconvolto, ho appena rischiato di essere sparato male”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA