COVID

Federcuochi Lazio protesta sulle chiusure: mai invitati a un tavolo

Mercoledì 9 Dicembre 2020
Covid, Federcuochi Lazio protesta sulle chiusure: «Un annuncio totalmente irresponsabile»

Chiusure alle 18:00 fino a marzo: Federcuochi Lazio non ci sta. «Un annuncio totalmente irresponsabile», così il presidente dell'Associazione, Alessandro Circiello. Che poi ha rincarato: "Ci hanno imposto la chiusura serale, che nel bilancio della ristorazione costituisce quasi l'80% degli incassi totali, ci hanno chiuso a Natale, Santo Stefano e Capodanno, occasioni notoriamente proficue per il nostro settore, ora ci dicono che questo disastro continuerà per altri 3 mesi. Tutto questo senza mai averci invitato ad un Tavolo nel quale individuare le migliori soluzioni per scongiurare, nel pieno rispetto delle norme anti Covid, il tracollo del comparto.

 

Gli acquisti nei negozi di vicinato, una scelta intelligente e utile

Poi il presidente di Federcuochi Lazio si è soffermato sulle gravi perdite che il settore registra ogni giorno a causa della pandemia da coronavirus, mettendo a rischio le imprese del settore: «Perdiamo ogni giorno milioni di euro, posti di lavoro e speranze di ripartire, la gente si toglie la vita a causa dei debiti accumulati per colpa del Covid e che i tanto sbandierati Ristori non saranno mai in grado di ripagare. Nel nostro futuro professionale si prospetta ancora un lungo periodo di lacrime e sangue. Per dirla con una famosa canzone invece che aiuti e speranza ci offrono solo un'altra 'Maledetta Primavera'».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA