Nota qualcosa di strano mentre ara il campo agricolo: erano ossa umane, la scoperta a Cesiomaggiore

Belluno, la prima fase è stata dedicata all'indagine stratigrafica

Tomba antica scoperta a Cesiomaggiore
di Alessia Trentin
3 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Aprile 2022, 12:04 - Ultimo aggiornamento: 13:10

Stava preparando il suo campo, forse per la semina, ma lavorando la terra ha portato alla luce una sepoltura medievale. Ora sul sito archeologico di Marsiai, a Cesiomaggiore (Belluno), c'è al lavoro un'intera équipe di archeologici. Il ritrovamento, d'altra parte, è di quelli che non capitano proprio tutti i giorni. In queste settimane gli studiosi stanno lavorando negli scavi, solo le prossime analisi potranno dire con sicurezza a quale età risalgono le ossa rinvenute sotto terra, ma pare proprio siano parecchio antiche, come hanno spiegato gli studiosi nel servizio andato in onda su Telebelluno nei giorni scorsi. Il proprietario del campo era intento alle sue attività agricole quando, scavando, l'occhio gli è caduto su qualcosa di decisamente insolito. Intuendo si potesse trattare di reperti preziosi, ha immediatamente informato le autorità, è così che la Soprintendenza nei giorni scorsi ha inviato una squadra di archeologi a Marsiai per i primi sopralluoghi. «Abbiamo una sepoltura databile preliminarmente alla fase medievale ha spiegato Chiara D'Incà della Soprintendenza Architettura Belle Arti e Paesaggio alle telecamere di Telebelluno-. Si tratta di un sondaggio archeologico di verifica, in corso con fondi ministeriali, per approfondire una notizia di ritrovamento casuale che è stata ricevuta lo scorso anno. Al momento è stata individuata una sepoltura in pietra strutturata con lastre di contenimento che ha una posizione non tipica, quindi non è orientata est - ovest ma nord sud».

La mummia più antica del mondo scoperta in Portogallo: è di una donna vissuta 8000 anni fa


COSA SUCCEDE ADESSO

La prima fase è stata dedicata all'indagine stratigrafica, necessaria per valutare l'entità del ritrovamento, l'epoca e altre caratteristiche. Sul posto, per le indagini, gli archeologi Lisa De Luca e Flavio Cafiero che con pazienza e precisione hanno portato allo scoperto le strutture antiche e ora attendono ulteriori esame per stabilire a chi appartenessero quelle misteriose ossa. La particolarità all'interno di una storia già curiosa così è la posizione del corpo sepolto, l'orientamento della salma diverso da quelli tipici dell'epoca. Anche questo sarà materia di approfondimento. «Abbiamo identificato i terreni agrari di lavorazione recente, li abbiamo asportati e abbiamo esposto le strutture in muratura a secco di una tomba di età presumibilmente medievale le parole di Cafiero -, l'indagine adesso passa all'interno della struttura e nelle immediate strutture conservate, procederà fino all'esposizione del cadavere dell'inumato». Nel frattempo, si diceva, si attendono i risultati dei primi esami. «I resti scheletrici vengono recuperati e portati in laboratorio dove si effettua l'esame antropologico per la determinazione del sesso, dell'età, lo studio delle patologie e le misurazioni scheletriche spiega De Luca -. Inoltre c'è mandato di fare prelievo per esaminare il radio carbonio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA