Gli "amanti di Modena" sono due uomini: svelato il sesso della coppia sepolta nella necropoli

Mercoledì 11 Settembre 2019
Gli

Gli «amanti di Modena» sono due uomini. A rivelarlo è un nuovo studio dell'università di Bologna e dell'università di Modena e Reggio Emilia. Quando furono scoperti, nel 2009, durante gli scavi in una necropoli modenese di epoca tardo-antica (IV-VI secolo), si era pensato che la coppia sepolta nella stessa tomba, mano nella mano, fosse composta da un uomo e una donna. Divennero subito gli «amanti di Modena», ma da oggi il sesso di uno dei due è cambiato.

Archeologi trovano «iPhone» di oltre 2.100 anni fa in una tomba dell'Atlantide russa
 


Nell'analisi, pubblicata su Scientific Reports, gli scienziati hanno utilizzato una tecnica che permette di determinare il sesso di un individuo da particolari proteine nello smalto dei denti. L'esito - cioè che entrambi gli «amanti di Modena» erano di sesso maschile - per i ricercatori rende ancor più particolare questa tomba, dal 2014 al Museo civico archeologico etnologico di Modena. «Allo stato attuale non si conoscono altre sepolture di questo tipo», spiega Federico Lugli, ricercatore dell'ateneo bolognese e primo autore. «In passato sono state trovate diverse tombe con coppie di individui deposti mano nella mano, ma in tutti i casi si trattava di un uomo e una donna. Quale fosse il legame tra i due individui della sepoltura modenese, invece, resta per il momento un mistero».

«In letteratura non esistono altri casi di sepolture con due uomini deposti mano nella mano: non era certamente una pratica comune in epoca tardo-antica», aggiunge il ricercatore. «Crediamo che questa scelta simboleggi una particolare relazione esistente tra i due individui, non sappiamo però di quale tipo». Quella degli amanti è l'ipotesi più remota, secondo gli scienziati. «In epoca tardo-antica è improbabile che un amore omosessuale potesse essere riconosciuto in modo tanto evidente dalle persone che hanno preparato la sepoltura», dice Lugli. «Visto che i due individui hanno età simili, potrebbero invece essere parenti, ad esempio fratelli o cugini. Oppure potrebbero essere soldati morti insieme in battaglia: la necropoli in cui sono stati rinvenuti potrebbe infatti essere un cimitero di guerra».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il percorso ad ostacoli dei turisti della Capitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma