Andriana, la "ragazza con l'accento" da un milione di follower: «Con le mie ricette alla conquista dell'Italia»

Andriana, la "ragazza con l'accento" da un milione di follower: «Con le mie video-ricette alla conquista dell'Italia»
di Alessio Esposito
5 Minuti di Lettura

Una manciata di creatività, un pizzico di ironia e dolcezza quanto basta. È questa la ricetta del successo della giovane influencer culinaria Andriana Kulchytska, seguita da oltre un milione di follower fra Instagram e TikTok con l'username Adrianathrr. L'ingrediente segreto dei suoi video? Ritmo incalzante e un irresistibile accento dell'est. Con Andriana le uova diventano «palline gialle», lo zucchero «cristalli dolci» e la farina «polvere bianca». Le sue ricette sono originali e facili da realizzare: la «ragazza con l'accento» - come lei stessa ama definirsi - è nata in Ucraina, ha vissuto in Polonia e ha conquistato l'Italia con autoironia e la freschezza dei suoi 22 anni.

Ciao Andriana, quando e come hai iniziato a pubblicare video di cucina sui social?
«Ho iniziato tra la fine dell’autunno e l’inizio dello scorso inverno. Ero bloccata a casa e per non sprecare il tempo ho deciso di fare video per imparare l'italiano e comunicare con le persone. All’inizio pubblicavo i miei video su TikTok, non davo importanza ad Instagram, soltanto in seguito ho comincato ad usarlo. Molto velocemente ho trovato il mio pubblico, ne sono molto contenta».

Parlaci di te, delle tue origini. Quanto influiscono sulla realizzazione delle tue ricette?
«Certamente influiscono. Sono nata a Leopoli, in Ucraina. Ma l'infanzia l’ho passata a Sambir. Praticamente tutte le ricette che preparo vanno molto in Ucraina e Russia!».

Ti definisci «la ragazza con l’accento», ha un significato particolare per te?
«In realtà questa frase me la scrivevano spesso tra i commenti. All'inizio per me non significava nulla e non le davo importanza. Per me l'accento non è nulla di male, è una cosa assolutamente normale. Anche fare errori è normale. Sono tutte le tappe che percorre una persona che impara una lingua straniera. Penso che chiunque abbia vissuto in un paese straniero almeno un mese mi capisca. Ho iniziato a dare importanza a questa frase quando ragazzine di 15-18 anni hanno iniziato a scrivermi, ringraziandomi perché grazie ai miei video hanno smesso di vergognarsi del loro accento. E ha addirittura iniziato a piacergli! Ed è fantastico che io abbia aiutato altre persone a superare le loro barriere. Sono felice di essere utile per altre persone».

Da chi hai imparato a cucinare?
«Da sola. Sono andata a vivere senza i miei genitori molto presto. Quindi ho dovuto imparare a cucinare da sola. Sin dall'infanzia avevo la passione per lo sport e per la corretta alimentazione. Quindi già a casa ho iniziato piano piano a cucinare piatti sani per me».

Che progetti hai per il futuro?
«Non ho piani. Mi piace svegliarmi la mattina e non sapere cosa mi aspetta. Vivo e mi godo quello che ho oggi, ne ho di più del necessario. Due anni fa vivevo in Polonia e non sapevo dove prendere i soldi per comprarmi il pranzo. Oggi sono in Italia, senza una perfetta conoscenza della lingua e guadagno i miei soldi, non ho bisogno di niente e ho persone a cui piaccio, che sono interessate a me. E questo è così strano, ma allo stesso momento bellissimo. Vivo e credo che la vita mi stia preparando qualcosa di veramente interessante, devo solo aspettare».

Ti capita mai di ricevere critiche? Come ti comporti quando succede?
«Non ho paura delle critiche, sopratutto riguardo al mio accento o ai miei errori. Mi reputo fortunata, perché nella mia vita ho incontrato solo persone buone, che mi aiutano e mi supportano. In Italia c’è un pubblico molto amichevole».

Quanto è importante l'ironia nei tuoi contenuti?
«È molto importante. Perché l'ironia, il sarcasmo e i doppi sensi sono il mio modo di comunicare anche nella vita reale. Come sono nate quelle strane parole? All’inizio per me era molto difficile pronunciare determinate parole, quindi le ho cambiate. Le trovo molto divertenti e in più per me sono più semplici da pronunciare. E la cosa più importante è che piacciano al mio pubblico».

Hai più di un milione di follower fra TikTok e Instagram, come ci si sente ad essere così famosi sui social?
«Non mi sento famosa. Forse è passato ancora poco tempo. Vivo una vita normale come tutti gli altri. Ma ora ho l'opportunità di comunicare con persone molto interessanti. Tutto il resto, invece, è rimasto uguale».

Articolo realizzato con la collaborazione di Valentina Panetta

Mercoledì 12 Maggio 2021, 14:31 - Ultimo aggiornamento: 17 Maggio, 09:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA