Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La Sapienza aderisce allo stop della plastica monouso

La Sapienza aderisce allo stop della plastica monouso
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 17 Aprile 2019, 21:34 - Ultimo aggiornamento: 21:51

L'università di Roma La Sapienza aderisce alla campagna #StopSingleUsePlastic lanciata dalla Conferenza dei Rettori delle università italiane, con l'associazione Marevivo e il Consorzio nazionale interuniversitario per le scienze, volta a disincentivare l'utilizzo di oggetti monouso di plastica come bottiglie e bicchierini da caffè. Il Senato accademico dell'ateneo ha approvato il programma 'Plastic Freè che prevede, tra l'altro, la distribuzione di borracce in metallo alle future matricole.

GLI INCENTIVI
La settimana scorsa l'università Roma Tre aveva annunciato il dono di 30mila borracce ai suoi studenti. La Sapienza si è impegnata ad aumentare gli erogatori di acqua senza bicchieri di plastica nelle strutture dell'ateneo, a installare macchine del caffè con l'opzione senza bicchieri per incentivare l'uso di tazze personali, e a premiare le società di ristorazione attive all'interno delle sedi universitarie che abbandonano l'uso di plastica monouso. In programma c'è anche la messa al bando di bottiglie e bicchieri di plastica al tavolo dei relatori in tutte le conferenze che si svolgono all'interno dell'ateneo, e l'adeguamento a criteri 'plastic freè degli ordini di cancelleria degli uffici. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA