Università, Manfredi: «Test medicina con 1.500 posti in più rispetto allo scorso anno»

Mercoledì 1 Luglio 2020
Università, Manfredi: «Test medicina con 1.500 posti in più rispetto allo scorso anno»

Test di medicina, tutte le novità spiegate dal ministro dell'Università Gaetano Manfredi a Rtl 102.5. «Considerando sia Medicina che le professioni sanitarie, è il massimo che possiamo fare con il numero di docenti e di strutture a disposizione. Abbiamo quindi aumentato il numero di posti disponibili, 1.500 in più rispetto allo scorso anno, sfruttando al massimo la capacità formativa. Sono stati aperti anche 10 nuovi corsi di laurea in Medicina in diverse aree italiane».

Lucia Azzolina a Sperlonga, domenica di relax in spiaggia per il ministro dell'Istruzione
 


Rispetto a come è si è modificata l'università in questo periodo, Manfredi ha detto che «è cambiata nella percezione da parte degli studenti, perché comunque hanno visto un'università che ha continuato ad operare nonostante il periodo, abbiamo avuto lo stesso numero di esami e di laureati dello scorso anno. L'obiettivo come Ministero e Governo era evitare che i ragazzi perdessero tempo. Poi è cambiata anche perché ha usatole nuove tecnologie e questo significa che per il futuro io credo molto ad una università in presenza, perché l'esperienza universitaria significa fare una grande esperienza di vita. Però è anche vero che oggi abbiamo tante tecnologie che ci possono aiutare e penso che sia un'opportunità anche per un'innovazione didattica che ci consenta di guardare al futuro, mantenendo i nostri valori».

Scuola, la proposta degli scienziati: in aula anche alle 7

Manfredi ha anche annunciato a Rtl 102.5 che domani sarà alla riunione della conferenza dei rettori della Lombardia: «è la mia prima uscita fisica dopo tanti incontri virtuali che ho fatto in questo periodo». «Le borse di studio quest'anno sono aumentate - ha ricordato il ministro - e la quota sarà di 10.000 in più. abbiamo messo in bilancio 40 milioni in più, che credo dovrebbe coprire tutto il fabbisogno. Io credo che la situazione della Lombardia, il diritto allo studio è una competenza a metà tra lo Stato e le Regioni». Sempre rispetto ai problemi della Lombardia, Manfredi ha detto che «domani incontrerò anche i vertici regionali faremo una valutazione insieme e cercheremo di dare una risposta agli studenti, mai come adesso, noi dobbiamo dare l'opportunità agli studenti di accedere all'università quando c'è una difficoltà economica. Il Governo ha messo 300 milioni di euro per il diritto allo studio nel decreto rilancio, quindi mi auguro che anche le Regioni facciano la loro parte, così che insieme si possa dare una risposta a tutte le richieste che arrivano dagli studenti». «Io sto lavorando nell'interesse del Paese e degli studenti, io ho dedicato la mia vita al'Università, sto cerando di dare il massimo con il sostegno del Governo e del Presidente del Consiglio. Se riusciremo a far crescere l'Università, avere più ricercatori, dare più opportunità ai giovani per studiare, il mio impegno sarà stato giusto, se non ci riuscirò probabilmente la scelta che ho fatto sarà stata sbagliata», ha concluso.

Mes, Zingaretti: «Dieci ragioni per dire sì. Possiamo avere risorse, basta tergiversare»

Ultimo aggiornamento: 14:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA