Scuola, il ministero: tremila istituti dismessi da recuperare, tutti gli alunni avranno un'aula

Sabato 27 Giugno 2020
Scuola, il Ministero: tremila istituti dismessi da recuperare, tutti gli alunni avranno un'aula

Scuola, il Ministero dell'Istruzione anticipa che sono tremila gli istituti dismessi da recuperare per dare a tutti gli alunni un'aula in occasione del suono della prima campanella e del rientro in classe previsto per il 14 settembre. «Abbiamo l'elenco di circa 3.000 edifici scolastici dismessi a causa del calo demografico e del dimensionamento, che possono essere ripristinati». Così il Ministero dell'Istruzione all'indomani della presentazione delle Linee guida per la ripartenza di settembre.

Scuola, al via il 14 settembre: test a sorpresa per alunni e docenti

Scuola, dal distanziamento in classe alle mascherine: ecco cosa cambia dal 14 settembre

 

Il Ministero: «Tutti avranno un'aula». «Le Linee guida prevedono il mantenimento del gruppo classe, tutte le studentesse e gli studenti avranno spazi per la didattica a settembre come garantito ieri dalla Ministra Lucia Azzolina in conferenza stampa», fa sapere il Ministero dell'Istruzione all'indomani della presentazione delle Linee guida per la ripartenza di settembre.

«In queste settimane il Ministero ha messo a punto un software che - spiegano fonti del dicastero - consente di incrociare, scuola per scuola, il dato degli alunni con quello degli spazi e con il distanziamento indicato dal Comitato tecnico-scientifico. Uno strumento nuovo, senza il quale sarebbe stato impossibile individuare le priorità di intervento. Secondo una prima analisi gli interventi più urgenti riguarderanno circa il 15% della popolazione studentesca - fatta eccezione per la scuola dell'infanzia che è esclusa da questo calcolo avendo altre indicazioni di distanziamento. Un dato significativo ma inferiore alle previsioni iniziali».

 

Ultimo aggiornamento: 28 Giugno, 01:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani