Scuola, si riparte dopo un anno di Dad: come uscire dai disagi psicologici? I consigli dell'esperta

Scuola, si riparte dopo un anno di Dad: come uscire dai disagi psicologici? I consigli dell'esperta
di Graziella Melina
5 Minuti di Lettura
Lunedì 13 Settembre 2021, 07:26

Dopo un anno di didattica a distanza, isolamento a casa e utilizzo smodato di smartphone e computer, il rientro a scuola per molti ragazzi potrebbe rivelarsi pieno di insidie. «Per aiutarli a superare le possibili ansie - spiega Teresa Grimaldi Capitello, responsabile di psicologia clinica dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma - è opportuno programmare un ingresso graduale a scuola e migliorare i tempi di attenzione con gradualità». Senza dimenticare, però, che «in questa fase vanno supportati anche i genitori e gli insegnanti, ancora disorientati e ansiosi rispetto alle nuove normative da seguire a scuola».

La scuola al via/ La magia dell’inizio dopo l’incubo chiamato Dad

COME ABITUARE I RAGAZZI ALLE MISURE DI PRECAUZIONE ANTICOVID?
Un ruolo fondamentale spetta ad educatori e insegnanti. In base al ciclo scolastico, devono far sì che diventino abituali tutti i comportamenti che garantiscono la sicurezza. Per i più piccoli, si può ricorrere anche all'aspetto ludico. Non dimentichiamo che, del resto, i bambini sono già abituati al lavaggio delle manine prima dei pasti. Basta quindi inserire le nuove procedure igieniche all'interno dell'orario scolastico.

Video

IL PASSAGGIO DALLA DAD ALLA SCUOLA IN PRESENZA COMPORTA DIFFICOLTÀ?
Le ricerche di quest'ultimo periodo sulla didattica a distanza hanno evidenziato due aree carenti soprattutto da un punto di vista delle neuroscienze, in particolare per quanto riguarda la difficoltà a mantenere i tempi di attenzione pregressi e quelle relative ai cosiddetti neuroni gps. Di fatto, i ragazzi attraverso la dad hanno perso la capacità di orientarsi nel tempo e nello spazio. Le conoscenze acquisite in dad non permetterebbero poi una memorizzazione spaziale delle informazioni.

Scuola, si torna tutti in classe tra certificati, tamponi e ingressi scaglionati. Domande & Risposte


COME AIUTARLI A MANTENERE LA CONCENTRAZIONE?
Quando bisogna gradualmente aumentare i tempi di attenzione dei ragazzi occorre prevedere delle pause. Potrebbe essere utile inoltre programmare anche spostamenti fisici, soprattutto se ci sono aree verdi o spazi aperti esterni alla scuola. È importante poi che le pause iniziali siano più cadenzate, in modo tale che gli alunni si abituino a questo nuovo ritmo scolastico. Anziché far durare la lezione 60 o 50 minuti, in questa fase può essere opportuno prevedere una piccola pausa per esempio dopo i 35 minuti.

Scuola Roma, duemila in quarantena: rientro in classe ma resta l'incubo Dad


PER QUANTO TEMPO È OPPORTUNO MOVIMENTARE UN PO' LE LEZIONI?
Bisogna prevedere spostamenti e pause soprattutto nella fase iniziale. Non dimentichiamo che rientrando a scuola i ragazzi faranno fatica a stare di nuovo seduti sui banchi. Si potrebbe valutare l'opportunità di fargli cambiare l'aula a seconda della lezione da seguire, come già avviene in alcuni istituti. Questo potrebbe facilitare d'altronde l'aerazione degli spazi chiusi. Spostamenti e pause più frequenti andrebbero mantenuti fino sicuramente al 15 ottobre. Poi è utile monitorare i livelli di attenzione che gli studenti hanno imparato a raggiungere.

IN CHE MODO VANNO AIUTATI A VINCERE LA PAURA DI CONTAGIARE I PROPRI CARI?
L'angoscia e la paura del contagio dipendono molto dalle ansie familiari. Se ci sono preoccupazioni perché al rientro a casa i ragazzi trovano nonni o familiari fragili, oppure immunodepressi, bisogna tranquillizzarli puntando innanzitutto sull'importanza della vaccinazione. Si tratta di spiegazioni che possono ricevere anche a scuola. Ma è bene ricordare che ai ragazzi non è corretto dare una grande quantità di informazioni razionali. È più opportuno invece supportare i genitori nei casi in cui gli insegnanti colgano una preoccupazione difficile da gestire.

Lezioni in presenza/ Cosa manca per tornare in classe senza rischi


COSA BISOGNA FARE SE HANNO DIFFICOLTÀ A INTRECCIARE NUOVE AMICIZIE?
Soprattutto per i più piccoli è bene prevedere attività didattiche che siano legate al contatto, che non è necessariamente fisico. Esistono diversi giochi di ruolo, attività teatrali, messa in scena di diverse fiabe. Così in genere i bambini imparano a creare piano piano un dialogo con i coetanei. Nella didattica, a qualsiasi età, è bene prevedere momenti vincolati allo sport o all'attività di gruppo. Per gli adolescenti che invece in questi mesi hanno sviluppato disturbi di ansia, in particolare la cosiddetta fobia sociale, è utile chiedere un supporto ad un esperto.


COME AIUTARLI A INTERAGIRE NONOSTANTE LA MASCHERINA?
Intendersi soltanto con gli occhi è una piccola sfida che non tutti riescono a vincere. Dipende molto dalla capacità dell'altro di leggere sul volto le espressioni. Sarebbe utile pertanto che gli insegnanti educhino all'alfabetizzazione emotiva, ossia a come è possibile presentarsi all'altro, ridurre l'imbarazzo, conoscere sul volto l'emozione che sta provando. Spesso diamo per scontato che i bambini lo imparino a casa in modo spontaneo, ma purtroppo non è così.

© RIPRODUZIONE RISERVATA