CORONAVIRUS

Scuola, sedicimila assunzioni per ripartire dopo l'emergenza coronavirus

Giovedì 14 Maggio 2020 di Francesco Bisozzi
Scuola, sedicimila assunzioni per ripartire dopo l'emergenza coronavirus

Un bazooka da 1,45 miliardi di euro per far ripartire la scuola dopo il periodo di stop dettato dell’emergenza sanitaria coronavirus. Un’iniezione di risorse che apre a sedicimila nuove assunzioni. In questo modo il numero degli insegnanti di ruolo raggiungerà quota 78 mila. Ottomila docenti verranno assunti attraverso il concorso ordinario e altrettanti con quello straordinario. La stabilizzazione del corpo docente in questa fase ha la priorità per il governo.

Virus Scuola, Azzolina: «Niente 6 politico, lo studente potrà essere bocciato»
A scuola a settembre, dalle lezioni nei laboratori ai termoscanner: cosa potrebbe succedere

Ma le risorse messe in campo con il decreto Rilancio serviranno anche a garantire a settembre il ritorno sui banchi degli alunni in condizioni di assoluta sicurezza: un miliardo di spesa prevista. Al fine di accelerare il processo di digitalizzazione della scuola sono stati stanziati invece 330 milioni di euro circa. Altri 40 milioni di euro serviranno ad assicurare lo svolgimento in presenza dell’esame di maturità nel rispetto delle norme anti-contagio. Soddisfatta la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina.

Entusiasta quello dell’Università Gaetano Manfredi: «In questo modo il governo dimostra di voler guardare al futruro, è la prima volta che vengono investite risorse in dosi così massicce». Il decreto Rilancio destina infatti 1,4 miliardi di euro al mondo universitario e della ricerca per sostenerlo nella difficile fase della ripresa. Così suddivisi: 300 milioni per il diritto allo studio, 600 milioni per la ricerca, 500 milioni per l’università. Risorse con cui il governo punta anche ad arginare la fuga dei giovani cervelli all’estero: verranno assegnati altri quattromila posti da ricercatore oltre ai 1600 che erano già stati deliberati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani