Scuola, nessun accordo sui concorsi: trattativa affidata a Conte

Venerdì 22 Maggio 2020

Nessun accordo sul decreto scuola, sul quale da giorni va avanti un braccio di ferro nella maggioranza. Dopo tre ore di vertice a Palazzo Chigi ci si aggiorna a una nuova riunione, che potrebbe tenersi già oggi, sabato, giorno per di più segnato da una manifestazione nazionale con appuntamenti in molte città.

La scuola scende in piazza: «A settembre lezioni in aula». Maturità, a Roma mancano i presidenti di commissione

Sarà il premier Giuseppe Conte, è stato deciso, ad avanzare una proposta di mediazione per arrivare a un accordo sul nodo dei concorsi e sulla norma del decreto scuola che dovrà essere votata lunedì. Ma i toni, da quanto si è saputo, questa sera sono stati molto accesi e le posizioni, assai distanti, non sarebbero state scalfite anche se le fonti governative confidano che si possa arrivare a trovare un'intesa.

Nella riunione, che è stata descritta a tratti tesa, si sarebbero cristallizzati i due schieramenti: M5S e Italia Viva da una parte, Pd e LeU dall'altra. Al centro del contenzioso il concorso straordinario, per circa 25 mila posti, per i precari che da più di tre anni insegnano: da un lato Pd e Leu si battono per un concorso per soli titoli, anche vista l'emergenza Covid e la possibile difficoltà nel fare svolgere i concorsi, dall'altra M5S con la ministra Azzolina e Italia Viva vogliono lo svolgimento delle prove come era stato previsto, salvo impennate dei contagi.

«Per il Pd il concorso con le prove resta molto difficile da prevedere», fanno sapere stasera fonti dem. Fonti M5S ribadiscono invece il no alle graduatorie per titoli. Ma un accordo, fanno sapere, è possibile tramite un concorso che garantisca il merito.

«Sono troppe le chiacchiere distorte - commenta Maddalena Gissi leader della Cisl scuola - noi vogliamo premiare il merito di chi da anni ci mette in condizione di aprire le scuole, il merito di chi insegna in molti casi nelle scuole che hanno i risultati migliori». La Cgil, la Uil e lo Snals si sono già dette pronte alla mobilitazione e a proclamare la fine della tregua sindacale se non si arriva al concorso per titoli. I tempi sono sempre più stretti: il decreto scuola, all'esame del Senato, a fine mese deve passare all'esame della Camera ed essere varato definitivamente entro il 7 giugno.

Ultimo aggiornamento: 23 Maggio, 08:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani