Maturità 2019, per gli studenti incubo seconda prova e orali

Venerdì 7 Giugno 2019
Maturità 2019, per gli studenti incubo seconda prova e orali

Se i maturandi potessero scegliere se promuovere o bocciare la loro scuola per come li ha preparati ad affrontare l'esame di stato, la maggior parte opterebbe per la prima opzione. Tuttavia lo farebbe con una sufficienza scarsa. Nello specifico, se si potesse dare un voto a come il proprio istituto ha gestito la preparazione degli studenti alla nuova maturità, il 40% assegnerebbe tra il 6 e il 7. Pochissimi quelli davvero soddisfatti: appena il 9% mette tra 9 e 10, il 15% arriva all'8. Gli altri reputano il sostegno dato del tutto insufficiente.

Maturità 2019, caccia al commissario esterno: su Facebook vizi e virtù dei prof

A sostenerlo è il sito Skuola.net che, a una manciata di giorni dal via della Maturità 2019, ha intervistato 4500 studenti che si dovranno cimentare con il debutto dell'esame riformato. La parte che spaventa di più alunni e professori è sicuramente la seconda prova con la doppia materia - ad esempio, matematica e fisica insieme al liceo scientifico o latino e greco in contemporanea al classico. Il 71% degli studenti dice di aver svolto in classe entrambe le simulazioni proposte dal Miur tra febbraio e aprile, il 29% una delle due, nessuno è rimasto a digiuno.

Non solo: al 52% dei ragazzi sono state somministrate simulazioni supplementari, elaborate dai propri insegnanti (al 27% una sola, al 25% più di una). Molta meno ansia per la prima prova: anche il tema d'italiano cambia, ma questo non sembra un grande problema all'interno degli istituti. Per questo, il 68% dei maturandi dice di essersi cimentato con una sola simulazione nazionale, giusto per vedere cosa trattasse; solo il 29% le ha svolte entrambe; il 3% dice addirittura di aver saltato l'appuntamento. Più facile che un'altra simulazione di prima prova sia stata preparata dai singoli istituti, magari verso la conclusione dell'anno: così è stato per il 56% degli studenti coinvolti dal sondaggio.

Maturità 2019, il toto-esame: su cosa scommettono gli studenti. Ed è effetto Greta Thunberg

Decisamente più preoccupante la situazione sul fronte colloquio orale. Le buste tra cui i candidati devono sorteggiare lo spunto da cui partirà l'interrogazione sono uno degli aspetti di cui si discute maggiormente in queste settimane. Il Ministero ha diffuso le istruzioni per le commissioni, ma non ci sono state simulazioni ufficiali rivolte agli studenti. Numerose scuole non hanno colmato il vuoto: più di 1 studente su 2 - il 53% - dice di non aver avuto la possibilità di fare le prove generali d'orale. A cui si aggiunge il 33% che ha fatto un solo test. È andata meglio al 14%, che ha simulato più volte le domande a sorpresa. Orale che, nel complesso, è senza dubbio lo snodo più ricco di incognite dell'intera nuova maturità.
 


In linea generale molti ragazzi lamentano di non aver ricevuto sufficienti indicazioni: un maturando su 4 sostiene questo; quasi la metà (49%) dice di aver ha avuto giusto qualche consiglio generico; solamente il 28% è stato aiutato concretamente. E ancora, uno studente su 4 non afferma poi di non aver mai trattato l'argomento di Cittadinanza e Costituzione in classe; il 50% ne ha sentito parlare sporadicamente, un altro quarto ha invece approfondito a dovere la materia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vita spericolata di una mamma quando i figli sono in vacanza

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma