CORONAVIRUS

Maturità il 17 giugno, esame in presenza. Azzolina: «No prove scritte, si parli del lockdown»

Sabato 16 Maggio 2020
Maturità il 17 giugno, esame in presenza. Azzolina: «No prove scritte, si parli del lockdown»

Via alla maturità 2020 il 17 giugno. L'esame di Stato sarà in presenza degli alunni e durerà al massimo un'ora. «La valutazione finale sarà seria - assicura il ministro Azzolina - nessun 6 politico. Bocciature possibili solo in casi specifici».
Le insufficienze saranno segnalate in documenti. 

Coronavirus, caos per l'esame di maturità ora il problema sono i commissari, ecco perché

Il ministro parla poi della scuola. «Tenere le scuole chiuse è stata una scelta sofferta. Ci assumiamo tutta la responsabilità politica di questa decisione ma abbiamo agito guardando i dati: tenere le scuole chiuse ha permesso di salvare vite umane. 
Sarebbe stato più facile riaprire le scuole, ma abbiamo agito con prudenza», ha detto la Azzolina nel corso di una conferenza stampa in merito alle Ordinanze sugli Esami di Stato del primo e del secondo ciclo e sulla valutazione finale delle studentesse e degli studenti. Presenti anche il Dott. Agostino Miozzo e il Prof. Alberto Villani per illustrare il documento del Comitato tecnico-scientifico sullo svolgimento degli Esami di Stato del secondo ciclo in presenza.

Durante l'esame si parlerà del lockdown. Nel corso dell'esame di maturità lo studente «spiegherà le conoscenze di cittadinanza e Costituzione e delle esperienze scuole-lavoro. Mi piacerebbe che gli studenti potessero parlare di come hanno vissuto la loro esperienza durante il lockdown obbligato dalla pandemia di coronavirus. Tutti verranno ammessi con un credito pari a 60 mente gli esami orali potranno valere fino a 40 crediti». A dirlo la Ministra dell'Istruzione, Lucia Azzolina, nel corso di una videoconferenza stampa sulle ordinanze sugli esami di Stato del primo e del secondo ciclo e sulla valutazione finale delle studentesse e degli studenti.
 

 
 

Ultimo aggiornamento: 19:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani