Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mascherine Ffp2 non obbligatorie per gli studenti, ma nelle farmacie sono già esaurite: le regole per il rientro a scuola

Le avranno solo le maestre di nidi e materne o i prof con alunni che non possono indossare la mascherina

Ffp2 non obbligatorie per gli studenti, ma nelle farmacie sono già esaurite
di Lorena Loiacono
3 Minuti di Lettura
Domenica 26 Dicembre 2021, 21:33 - Ultimo aggiornamento: 27 Dicembre, 16:04

Meno di due settimane di tempo per tornare in classe in sicurezza. Il governo non ha infatti intenzione di posticipare la data di rientro tra i banchi, già fissata tra il 7 e il 10 gennaio in tutta Italia sia a livello regionale sia in base alle decisioni delle singole scuole, ma ha previsto nuove misure: innanzitutto l’utilizzo delle mascherine Ffp2 e Ffp3 per il personale scolastico. Non saranno obbligatorie per gli studenti, che continueranno a ricevere le mascherine chirurgiche per utilizzarle in classe, ma saranno necessarie per docenti e bidelli che lavorano a contatto con alunni delle scuole dell’infanzia e di quegli istituti dove ci sono ragazzi che, per motivi di salute e di fragilità fisica o psichica, sono esentati dall’utilizzo dei dispositivi di protezione. In larga misura si tratta di una norma che va a tutelare soprattutto gli insegnanti e gli educatori degli asili nido e delle scuole materne, dove i bambini hanno meno di 6 anni e per loro non è previsto l’obbligo di indossare la mascherina. 

LE NORME

Le Ffp2 sono state finora evitate per gli studenti, perché devono indossarle per troppe ore al giorno, ma si rendono adesso necessarie per proteggere il personale più esposto a situazioni di rischio. Le mascherine Ffp2, vale a dire quelle “filtranti delle particelle”, garantiscono infatti la doppia protezione: sia per chi le indossa sia per chi gli sta vicino perché hanno un alto potere filtrante e il numero 2 o 3 indica proprio il livello di protezione. Questo innalzamento delle misure di protezione però sta mandando in tilt la disponibilità delle mascherine sul mercato: sono spesso introvabili. In pochissimi giorni, proprio durante le feste di Natale, sono andate a ruba. In questi giorni le farmacie sono state prese d’assalto, anche per festeggiare il Natale in famiglia in sicurezza, e hanno esaurito le scorte di mascherine protettive o di tamponi. 

LE SCORTE

Ma le mascherine già oggi sono difficili da reperire perché sono obbligatorie per cinema, teatri, musei, stadi ed eventi sportivi in generale, sui bus e treni. E inevitabilmente si rischia l’aumento dei prezzi: per il momento si resta sempre su una spesa pari ad un euro l’una, con offerte sui siti di e-commerce che abbassano il prezzo fino a 50 o 75 centesimi. «Con la mascherina Ffp2 obbligatoria - ha commentato afferma l’avvocato Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori - deve essere fissato il prezzo come è stato fatto per la chirurgica, per prevenire possibili speculazioni e perché è giusto siano somministrate a un prezzo calmierato». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA