Coronavirus, scuole verso la riapertura dopo Pasqua. Ecco il piano: rientri pomeridiani e recuperi online

Coronavirus, scuole verso la riapertura dopo Pasqua. Ecco il piano: rientri pomeridiani e recuperi online
di Lorena Loiacono
4 Minuti di Lettura
Lunedì 16 Marzo 2020, 15:30 - Ultimo aggiornamento: 17 Marzo, 19:49

Coronavirus, studenti lontani da scuola troppo a lungo, con uno stop alla didattica che sembra destinato ad allungarsi per contrastare la vera emergenza nazionale. Gli istituti si rimboccano le maniche e pensano ad un "piano B": corsi pomeridiani, fino a tre rientri a settimana, e il sabato tutti in classe. La strada percorribile è quella dei corsi di recupero, vecchia maniera, adattati alla nuova emergenza da Covid-19. Il piano B, al vaglio dei dirigenti scolastici, si renderà necessario qualora la sospensione della didattica dovesse andare oltre il 3 aprile: calendario alla mano, l'eventualità sembra più che concreta.

Coronavirus, via libera al maxi decreto legge "Cura Italia". Conte: «Venticinque miliardi pronti»

Riprendere le lezioni dopo venerdì 3 aprile significa, infatti, rientrare in classe lunedì 6 aprile per poi fermarsi di nuovo a partire da giovedì 9 aprile, per la pausa prevista per Pasqua. Si tratterebbe quindi di rientrare per soli 3-4 giorni, mettendo a rischio i risultati ottenuti con l'allontanamento: è probabile, quindi, che il rientro venga posticipato al dopo Pasqua. Anche perché gli effetti della chiusura della didattica, sul contagio, ci sono: in base a quanto riferito in un'intervista al Corriere della Sera da Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità ed esperto del Comitato tecnico-scientifico sull'emergenza coronavirus, oncoematologo dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma «L'ipotesi di prolungare lo stop delle lezioni potrebbe porsi anche perché i dati delle ex zone rosse di Lodi e Codogno dicono che la riduzione di casi è stata netta». E allora la strada resta quella.

Coronavirus, paramedici in ambulanza diventano "Ghostbusters"

I dirigenti scolastici pensano allora a come recuperare i giorni di lezione persi, ad illustrare quello che potrebbe accadere nelle prossime settimane è Mario Rusconi, presidente dell'Associazione nazionale dei presidi di Roma e del Lazio.
Se le lezioni non dovessero riprendere prima di Pasqua, che cosa accadrà?

«A fine aprile praticamente l'anno scolastico è concluso. Con il solo mese di maggio non si può recuperare il mese di febbraio, quando chiusero le scuole nelle zone rosse, poi marzo e aprile. Questo lungo stop comporterà delle azioni particolari e indispensabili».
Che cosa si rischia?
«Dobbiamo considerare che, oltre alle lezioni perse negli anni intermedi, ci sono di mezzo gli esami di maturità e quelli terza media. Si tratta di un danno grave, non imputabile a nessuno, ma serve un recupero per quanto possibile. Una corsa contro il tempo».
I dirigenti si stanno preparando in questo senso?
«Quando torneremo a far lezione, potremmo organizzare lezioni pomeridiane anche due o tre volte a settimana. E' possibile anche prevedere l'apertura della scuola di sabato, lì dove le lezioni finiscono il venerdì. Al momento opportuno si valuterà caso per caso, un po' come si fa con i corsi di recupero. Adesso potremmo anche pensare ai corsi di recupero a distanza».

Giuliana De Sio positiva. Il sindaco di Santa Maria Capua Vetere: «Potrebbe aver contagiato 9 persone»

Cioè?
«Adottando la stessa modalità di lezioni online, in corso in tante scuole in queste settimane di sospensione della didattica in presenza, possiamo organizzare corsi online anche per il recupero”.
Serviranno fondi ad hoc
«Sì, serve la disponibilità degli insegnanti e serviranno i soldi. Vedremo se arriveranno nel Consiglio dei ministri».
Nel frattempo?
«Intanto ci stiamo muovendo con la scuola online. Con tutte le sue risorse e le sue criticità».
Che cosa manca?
«Stiamo scoprendo ora che non tutte le famiglie e non tutti i docenti hanno fornito un account mail alla scuola: da questa esperienza dovrà essere obbligatorio. Inoltre sarebbe opportuno che anche la linea internet, per i docenti, fosse gratuita ed efficiente. Si tratta di utili accorgimenti per rendere agevole la didattica a distanza».

Coronavirus, ospite positivo: si ferma “Chi l'ha visto?”

© RIPRODUZIONE RISERVATA