Il mistero del ritmo dell'Universo: lampi e impulsi come su uno spartito, la scoperta degli acchiappa-bagliori

Il mistero del ritmo dell'Universo: lampi e impulsi come su uno spartito, la scoperta degli acchiappa-bagliori
di Paolo Ricci Bitti
3 Minuti di Lettura
Martedì 3 Agosto 2021, 12:15 - Ultimo aggiornamento: 16:40

Un lampo, poi silenzio, poi un altro bagliore: si sente il ritmo dell'universo. Arriva, a ritmi che più regolari non potrebbero essere, da un remoto quartiere della via Lattea e bisogna essere velocissimi a intercettarlo, quell'impulso radio che ha viaggiato per 500 milioni di anni luce e che si può immaginare accompagnato da un bagliore svanito nella notte dei tempi. Fa parte degli Frb, ovvero Fast radio burst e sono impulsi che durano pochi millesecondi e che per adesso meritano di essere battezzati con una sorta di freddo codice a barre, in questo caso 180916.J0158+65, nonostante gli astrofisici gli attribuiscano un particolare valore perché racconta di un ritmo ancora indecifrabile, misterioso.

Il mistero del ritmo dell'universo

Come riporta The Atlantic, le onde radio arrivano per 4 giorni, apparentemente a caso, in maniera disordinata. Poi 12 giorni di silenzio radio, il silenzio dell'universo, poi altri 4 giorni di impulsi. Un ritmo senza precedenti per quei lampi molto "luminosi" che attraversano la bada radio: ogni lampo registra un ritardo che consente di calcolare la misura della dispersione. Si può insomma comporre una tabella, uno spartito per un fenomeno che ha origini forse naturali, forse artificiali, ipotesi entrambe considerate perché elementi per smentirle non ci sono. 

Il primo Frb è stato individuato nel 2007, ma era lì che covava dal 2001 nei dati dell'osservatorio australiano di Parkes che ne ha rilevato altri 15 sui 18 scopertini fino al 2016. Ora se ne conoscono più di 100. 

Fra gli acchiappa-impulsi spicca Dongzi Li, ricercatrice dell'Università di Toronto, che dal 2019 lavora a un progetto guidato dal Canada, Chime  (Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment). Lei si cava gli occhi sugli schermi dei pc e sulle tabelle per placcare quegli impulsi che si presentano senza preavviso e lampeggiano per alcuni millisecondi. 

E' stata lei, grazie a una ricerca che ha molti aspetti di serendipity (si cerca una cosa e se ne trova un'altra) ha individuare quel ritmo finora ignota: quattro giorni di impulsi, 12 giorni senza. Una scoperta affascinante che alimenta al tempo stesso la conoscenza e il mistero. L'intuzione di Dongzi Li è stata poi confermata da altri radiotelescopi e ora gli scienziati hanno davanti un evento reale che smentisce l'ipotesi che quei lampi così intensi, anche dopo aver solcato distanze incommesurabili, fossdero stati prodotti da qualcosa che fosse nel frattempo sopravvissuto. La caccia agli impulsi che "suonano" il ritmo dell'universo continua.

© RIPRODUZIONE RISERVATA