Razzo cinese fotografato nel cielo di Roma: dove e quando può cadere

Razzo cinese fotografato nel cielo di Roma: dove e quando può cadere
3 Minuti di Lettura
Sabato 8 Maggio 2021, 12:47 - Ultimo aggiornamento: 15:12

Il razzo cinese che sta per cadere sulla Terra è nel cielo di Roma. Si vede dalla foto scattata all’alba di sabato 8 maggio dall’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope. «L'osservazione era possibile agilmente ad occhio nudo», dice Masi e «l'oggetto appariva chiaramente lampeggiante, a causa della sua rotazione su se stesso: per questo la traccia registrata nella fotografia mostra una fitta serie di tratti luminosi».

Quando cade - Il rientro nell'atmosfera del secondo stadio del razzo cinese Lunga Marcia 5B è attualmente previsto alle 4,52 di domenica 9 maggio, con un margine di incertezza di 6 ore. Ma l'orario potrebbe variare. A indicarlo il Comando di Difesa Aerospaziale del Nord-America (Norad).

Dove cade - L'Italia centro-meridionale fa parte della vastissima zona sulla quale potrebbe avvenire il rientro. Che inoltre comprende l'intera Africa, l'Asia meridionale, l'oceano Pacifico, l'Australia, parte del Nord America, l'America centrale e parte del Sud America. Nuovi calcoli attesi nelle prossime ore permetteranno di ridurre ulteriormente il margine di incertezza riguardo al tempo e al luogo del rientro. 

I rischi - «Bisogna andarci piano con gli allarmismi – commenta Emanuele Sillato, segretario dell'Associazione Astrofili Astris, riferendosi alla caduta di frammenti del razzo spaziale cinese –. Il monitoraggio è sempre preciso ed è difficile che possano verificarsi danni seri. Questo perché bisogna considerare che il rientro del razzo nell'atmosfera provocherà frammentazioni importanti, e alla fine arriveranno pezzi molto piccoli sul nostro pianeta. Ripeto, il monitoraggio da parte di tutti è costante e ci rassicura notevolmente». L'Agenzia spaziale italiana (Asi) aggiunge: «Naturalmente in casi come questi nulla si può escludere, ma la situazione è al momento decisamente sotto controllo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA