Marte, lanciato il rover Perseverance: cercherà tracce di vita e preparerà l'esplorazione umana Diretta

Giovedì 30 Luglio 2020
Marte, oggi il lancio del rover Perseverance: prima missione Nasa a cercare tracce di vita

È partita la missione Mars2020 della Nasa, che porterà su Marte il quinto rover americano, Perseverance, il primo progettato per cercare tracce di vita. Il lancio è avvenuto oggi alle 13.50 (ora italiana) con un razzo Atlas 5 dalla base di Cape Canaveral, in Florida, e punta anche a preparare la futura esplorazione umana, portando a bordo i materiali per tute e casco destinati agli astronauti che cammineranno sul pianeta rosso. Una missione molto attesa a livello mediatico, tanto che Twitter ha lanciato due hashtag - già in tendenza - #CountdownToMars e #Mars2020, che fanno comparire un razzo animato sullo schermo di chi lascia un like.

LEGGI ANCHE «Chernobyl chiave per conquistare Marte». Scienziati inglesi scoprono un fungo del reattore che protegge dalle radiazioni
LEGGI ANCHE Marte, la Cina lancia la sua prima sonda verso il pianeta rosso: arriverà nel 2021
 

«Questa è la prima volta nella storia che la Nasa ha dedicato una missione dedicata a ciò che chiamiamo astrobiologia, la ricerca della vita», ha rilevato l'amministratore della Nasa Jim Bridenstine. Oltre alla ricerca delle firme della vita passata o presente, «la missione preparerà dei campioni da riportare sulla Terra in futuro e preparerà la futura esplorazione umana» ha osservato Adam Steltzner, a capo della missione Mars 2020, presso il Jet Propulsion Laboratory della Nasa. Per questo saranno testati i materiali destinati a tute e casco dei futuri astronauti che andranno su Marte e che dovranno schermarli dalla grande quantità di raggi cosmici e radiazioni che arrivano sulla superficie del pianeta rosso a causa della sottile atmosfera di Marte.
 


LEGGI ANCHE Marte, tre missioni per scoprire la vita

A bordo del rover Perseverance ci sarà lo strumento Sherloc (Scanning Habitable Environments with Raman & Luminescence for Organics & Chemicals) che avrà l'obiettivo di testare i campioni. I materiali che saranno testati «sono pensati per fabbricare lo strato esterno della tuta, poiché saranno esposti alla maggior parte delle radiazioni» spiega Amy Ross progettista di tute spaziali presso il Johnson Space Center della Nasa, che sta sviluppando le tute per Luna e Marte. Il materiale trasparente destinato alla visiera del casco, inoltre, è stato progettato per deformarsi ma non rompersi, in caso di urti, e per schermare gli occhi dalla luce ultravioletta.

Ultimo aggiornamento: 15:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA