CORONAVIRUS

Coronavirus, da Roma al Polo Sud, il ricercatore Alberto Salvati: «Noi siamo i più isolati, perciò ci studiano»

Lunedì 20 Aprile 2020 di Enzo Vitale
Coronavirus, il ricercatore romano Alberto Salvati: «Noi in Antartide
siamo i più isolati, perciò ci studiano»

Alberto Salvati, classe 1968, è nato a Terni ma vive a Roma (anche se il suo cuore sta a Cottanello, un paesino di 559 anime in provincia di Rieti). È tecnologo del Consiglio nazionale delle Ricerche. Si è laureato in Ingegneria Elettronico-informatico e poi ha conseguito un master in Ingegneria d’Impresa. È alla sua quarta esperienza al Polo Sud. Alla base italo-francese, Concordia, oltre ad essere lo Station leader, si occupa della gestione dei progetti di fisica dell’atmosfera e meteorologia. Tra i suoi hobby ci sono i viaggi, il cinema, la corsa, realizzare video, i trekking e fare hike in solitaria con bici e tenda.

***

Un continente grande una volta e mezza l’Europa con temperature che possono variare, dalla costa all’interno, da più 15 a meno 90 gradi centigradi. Il primi a sbarcare, nel 1895, furono gli esploratori norvegesi Carsten Borchgrevink e Henryk Bull. Da allora, l’esplorazione dell’Antartide è stata costellata da avventure e, soprattutto, disavventure. Poi, quando si è compreso che il Continente bianco non era altro che un immenso laboratorio, dove poter studiare e sperimentare, le missioni e le nazioni hanno fatto a gara per realizzare le loro basi.

Antartide, scoperti i resti fossili di una foresta pluviale di 90 milioni di anni fa
Rieti, dalla Sabina in Antartide dove il coronavirus non c'è: la storia di Alberto Salvati. Foto
 

 

L’Italia, ufficialmente, è presente dal 1985 con l’istituzione del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (Pnra) e con due basi: una stagionale, la stazione Mario Zucchelli costruita in prossimità della costa, e la C-Dome Concordia, gestita in collaborazione con la Francia, posta a oltre mille chilometri dal mare e a 3.200 metri di altezza. È un avamposto scientifico unico sul pianeta. Ed è proprio qui, che dallo scorso novembre, “abitano” gli italiani della XXXVI spedizione: lo station leader Alberto Salvati, Andrea Ceinini, Loredana Faraldi e Luca Ianniello. I quattro dividono gli spazi della struttura con 7 francesi e un olandese. 
 

 

Station leader, ovvero capo della spedizione: Salvati ma perché è andato fin laggiù?
«Erano vari anni che ci pensavo, ma non ho mai avuto le circostanze giuste per farlo. Motivi di salute in famiglia, la fidanzata che non avrebbe gradito e l’idea che non potessi lasciare il lavoro per così tanto tempo. Ma l’anno scorso mi sono detto: Ora o mai più!».

Gli italiani in Antartide: «Siamo lontani e isolati a migliaia di chilometri, ma siamo con voi: resistete»
Caldo record in Antartide, temperatura a 20,7 gradi. I ricercatori: mai accaduto finora 

Prima volta all’estremo Sud del mondo?
«No, conoscevo già l’Antartide perché avevo partecipato già a tre spedizioni estive, sempre nell’ambito delle attività del Pnra ma fare l’inverno a Concordia è una esperienza completamente diversa».

L'informatico Mancini e la sicurezza dei ricercatori al Polo Sud: «Ecco come ho creato la rete di protezione»
Diario dall'Antartide/Quinta puntata:«Un po' di pazzia e molto coraggio», un anno al Polo Sud della glaciologa Giuditta Celli Video
Diario dall'Antartide/Quarta puntata: l'astrofisico Ivan Bruni: dall'atmosfera degli esopianeti ai viaggi sul pianeta rosso Video

Obiettivi di questa ennesima spedizione?
«Essenzialmente proseguire le attività nei molteplici progetti scientifici in corso già da diversi anni. Alcune ricerche che riguardano l’astronomia e l’astrofisica, ad esempio, si possono fare solo qui o nello spazio».

Un esempio?
«A Concordia si utilizza un telescopio robotico che osserva il cielo nell’infrarosso. Fino ad adesso si sono svolti anche studi su pianeti extrasolari e onde gravitazionali e non mancano ricerche sulla nostra stella, il Sole». 

La glaciologa Giuditta Celli: «Il ghiaccio del Polo Sud ci fa capire i cambiamenti del nostro pianeta»
L'astrofisico Ivan Bruni: «Qui sperimentiamo le condizioni dei futuri viaggiatori su Marte»

Altri settori di ricerca?
«Sono diversi, ma principalmente sismologia, fisica dell’atmosfera e climatologia per porre le basi del successivo piano di carotaggio del ghiaccio a qualche migliaio di metri di profondità. Lo scopo sarà quello di approfondire l’archivio climatico del nostro pianeta. Una oceanografa, poi, si occuperà dello studio dell’impurità dell’aria e del ciclo delle acque per capire meglio l’impatto dell’uomo sull’ambiente. E ancora biologia e medicina con ricerche volte a comprendere i meccanismi di adattamento dell’uomo alle condizioni ostili».

Diario dall'Antartide/Terza puntata: l'ingegner Meganne Christian alle prese con la meteorologia del Polo Sud Video
Diario dall'Antartide di Enzo Vitale - terza puntata: il fisico Meganne Christian e l'allarme per il cambiamento climatico

Anche perché voi stessi siete oggetti di studio.
«Sì, è proprio così. Mentre noi studiamo l’ambiente che ci circonda, un medico dell’Esa (l’Agenzia Spaziale Europea) studia noi: partecipiamo a progetti scientifici che riguardano lo studio dell’adattamento dell’uomo a condizioni estreme, sia ambientali che d’isolamento. Concordia è di particolare interesse per l’Esa in quanto vivere qui è un po’ come vivere in una nave spaziale e gli studi che vengono fatti su di noi serviranno a preparare i futuri viaggi nello spazio, a cominciare da quello su Marte».

Diario dall'Antartide/ Seconda puntata: i manicaretti al Polo Sud dello chef della base Daniele Giambruno Video
Alessandro Mancini, l'informatico che ci ha permesso di realizzare il Diario dall'Antartide Video

Siete le persone più isolate al mondo ma sul resto del pianeta si sta vivendo un altro tipo di isolamento per l'emergenza coronavirus.
«Da “isolato” posso solo fare un appello a resistere e di non perdere la speranza. È un momento veramente brutto e difficile, ma ne usciremo e, secondo me, ne usciremo anche con una società migliore. Siamo di fronte a una duplice sfida: da un lato noi come singoli individui costretti a stare in casa e privati della nostra libertà, dall’altro noi come società, che inevitabilmente ne uscirà trasformata, con un mondo del lavoro ridisegnato, un’economia in crisi, con le relazioni sociali e la fiducia nel prossimo che cambieranno significativamente».

Diario dall'Antartide di Enzo Vitale - prima puntata: i ricercatori si presentano

Lei quindi è ottimista?
«Sì, credo nelle capacità dell’uomo. Io ho realizzato lunghi viaggi in bici in terre sconosciute. Il sacrificio e la fatica mi hanno insegnato che, lentamente, una pedalata dopo l’altra, un passo dopo l’altro, possiamo superare situazioni che ci sembrano insormontabili e ritrovarci a fare cose che ci sembravano difficilissime».

Difficoltà, se ci sono state, a Concordia?
«Gli invernanti provengono da diversi Paesi, parlano lingue diverse, hanno culture e esperienze diverse, hanno gusti diversi soprattutto a tavola, scientifici tecnici e logistici svolgono attività diverse e hanno orari diversi. A me piace molto questo ambiente internazionale ma non è facile muovercisi, specialmente come capo spedizione».

Perché?
«Bisogna tener conto, soprattutto, delle differenze caratteriali delle persone e delle loro abitudini e culture. Anche la lingua può essere una barriera e comunque può generare incomprensione».

In che lingua vi parlate dunque...
«Quella ufficiale della base è l’inglese ma nessuno di noi è madrelingua e si finisce per parlare il “concordiano” un mix tra inglese, francese e italiano; capita spesso che iniziamo una frase in inglese, poi la continuiamo in francese e la terminiamo in italiano». 

A novembre mancano ancora diversi mesi.
«Intanto già ci sentiamo una squadra unita ma siamo comunque consapevoli che i mesi peggiori devono ancora arrivare: tra poco entreremo nella lunga notte polare e per mesi non vedremo più il sole; le temperature stanno diventando sempre più proibitive e abbiamo già raggiunto -91,9 gradi centigradi. Anche in queste condizioni alcuni di noi devono uscire tutti i giorni per svolgere le loro attività. Insomma, nonostante tutto, qui la vita e soprattutto le ricerche, continuano».

enzo.vitale@ilmessaggero.it
 

Ultimo aggiornamento: 13:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA