Da Nobel a Ig Nobel: da Luc Montagnier negazionista al Terravecchismo di Smalley, scienziati in caduta libera. E viceversa

Lunedì 17 Gennaio 2022, 12:54 - Ultimo aggiornamento: 29 Gennaio, 17:44

Luc Montagnier, dal Nobel per la Medicina alla memoria dell'acqua e al negazionismo dei vaccini anti Covid

Non sono solo le sue ferme e pubbliche posizioni no vax di questo periodo di pandemìa Covid a mettere al centro dell'attenzione il 90enne scienziato francese premio Nobel per la Medicina nel 2008. Già negli anni seguenti salirono le critiche per il sostegno agli studi sulla memoria dell'acqua su cui si basa anche l'omeopatia, mai accettata dalla medicina ufficiale. Contestate anche le sue affermazioni sui presunti legami tra vaccini e autismo. Resta il rispetto dovuto a chi, grazie alle sue scoperte sull'Aids che miete ancora quasi 700mila vittime l'anno, ha contribuito e contribuisce a salvare un numero incalcolabile di contagiati. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA