Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il bivio delle Comunali: la doppia sfida di Salvini, le ambizioni di FdI, i nodi dell'alleanza Pd-M5S

Domenica 5 Giugno 2022, 00:11 - Ultimo aggiornamento: 09:29
Il bivio delle Comunali: la doppia sfida di Salvini, le ambizioni di FdI, i nodi dell'alleanza Pd-M5S
di Ernesto Menicucci
1 Minuto di Lettura

Sette leader, sette sfide, sette destini incrociati. Tutto in un solo appuntamento elettorale, le comunali del 12 e 26 giugno. Con una postilla. In particolare per Salvini le partite sono doppie. Intanto c’è quella del referendum sulla giustizia, cavallo di battaglia del leader del Carroccio che sui quesiti ha spinto molto, più di tutti gli altri. Poi perché Salvini, sotto al fuoco di fila delle polemiche sulle posizioni filo-russe, ha sia il fronte “esterno” (quello della competition nel centrodestra con Giorgia Meloni) che quello interno a via Bellerio, dove alcuni “colonnelli” leghisti pare che non aspettino altri che un altro passo falso del leader. Poi c’è tutto in resto, che si può così sintetizzare: le comunali sono il primo passo della scomposizione (e ricomposizione) dello scacchiere politico italiano, iniziato – almeno in parte – nel gran ballo del Quirinale. Un movimento, vedremo se più o meno tellurico, che ci porterà dritti alle Politiche del 2023.

(Schede a cura di Mario Ajello)

© RIPRODUZIONE RISERVATA