Disturbo bipolare, cos'è e come si manifesta la malattia di cui soffre Sara Tommasi

Giovedì 19 Aprile 2018
Disturbo bipolare, cos'è e come si manifesta la malattia di cui soffre Sara Tommasi
Sara Tommasi a Le Iene ha raccontato di aver sofferto, e di soffrire ancora - sta bene solo grazie ai farmaci - di disturbo bipolare. Gli appassionati di serie tv, e in particolare della serie statunitense Homeland, ricordano magari il personaggio interpretato da Claire Danes, Carrie Mathison, una agente della Cia che soffre di bipolarismo ed è costretta, non senza sofferenze, ad affrontarlo ogni giorno ricorrendo ad alcuni farmaci.

Sara Tommasi a Le Iene: «Ero bipolare, pensavo di morire». La showgirl parla dopo 4 anni di incubo

Ma cos’è il disturbo bipolare, che sintomi dà e come si manifesta? Il disturbo bipolare, altrimenti conosciuto come depressione bipolare, disturbo maniaco-depressivo o bipolarismo, è un disturbo dell’umore molto complesso, dal quadro clinico multiforme, frequentemente associato ad altri disturbi psichiatrici e per questo difficile da riconoscere.

Il soggetto bipolare non è, nella maggior parte dei casi, consapevole di esserlo, poiché le fasi maniacali e ipomaniacali sono percepite come appartenenti alla normalità: i comportamenti sono però molto lontani dalla stessa. Dalla rottura di relazioni affettive, a periodi di disinibizione sessuale, maggiore nervosismo e litigiosità e tendenze anche suicide.

Si perde dunque l’equilibrio che tiene in piedi l’umore: si osserva una labilità emotiva e una esasperata lunaticità. Nel disturbo bipolare ci può essere una fase ipomaniacale, caratterizzata da eccitamento, diminuito bisogno di sonno e maggiore loquaclità, e una fase depressiva, nella quale l’umore è basso, con tristezza profonda e continua.

La terapia per superare il disturbo bipolare non può evitare il trattamento farmacologico, somministrato dietro attenta supervisione da parte di uno psichiatra: spesso il trattamento può essere di lunga durata, a volte può durare per tutta la vita. Le categorie di farmaci possono essere più di una, dagli stabilizzatori del tono dell’umore agli antipsicotici atipici. I più diffusi il litio e l’acido valproico (Depakin), la carbamazepina (Tegretol), la lamotrigina (Lamictal), l’olanzapina (Zyprexa), la clozapina (Leponex), fino all’aripiprazolo (Abililfy). © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma