Pfizer, morto ragazzo di 13 anni dopo il richiamo. «Era sano». Stati Uniti, aperta inchiesta

Pfizer, morto ragazzo di 13 anni dopo il richiamo. «Era sano». Stati Uniti, aperta inchiesta
5 Minuti di Lettura
Sabato 26 Giugno 2021, 11:35 - Ultimo aggiornamento: 27 Giugno, 19:15

Choc negli Usa: un ragazzino di 13 anni del Michigan è morto tre giorni dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino Pfizer. I risultati preliminari dell'autopsia hanno indicato che in seguito alla sua vaccinazione, il cuore di Jacob Clynick si è ingrossato ed è stato circondato da liquidi, sintomi simili a quelli documentati in altri ragazzi adolescenti che hanno avuto miocardite, sempre in seguito alla vaccinazione. Il 20 giugno, la zia di Clynick, Tami Burages, ha pubblicato un tweet con una foto della tessera di vaccinazione di suo nipote e questa dichiarazione (ma poi il tweet è stato rimosso).

Vaccino Pfizer, parla la zia del ragazzino morto

«Una settimana fa il figlio tredicenne di mio fratello ha avuto il suo secondo vaccino covid. Meno di 3 giorni dopo è morto. I primi risultati dell'autopsia (fatta venerdì) erano che il suo cuore era ingrossato e c'era del liquido che lo circondava. Non aveva problemi di salute noti. Non assumeva farmaci». La zia ha poi aggiunto: «La nostra famiglia è devastata. Ho faticato a pubblicare la notizia su Twitter. Sono pro-vaccino. Abbiamo vaccinato mio figlio di 14 anni non appena disponibile. So che è per lo più sicuro. Il CDC deve indagare su questo. Ci sono stati altri casi di miocardite in giovani che hanno ricevuto la loro seconda dose Pfizer».

E poi una domanda: «Ne sono morti altri negli Stati Uniti o mio nipote è il primo? Ci sono questioni morali, etiche e di salute a cui è necessario rispondere. Se Jacob non avesse ricevuto la seconda dose, crediamo che oggi sarebbe vivo». La morte dell'adolescente è stata segnalata ai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ed è oggetto di indagine da parte dei regolatori sanitari federali per determinare se esista una correlazione tra la morte e la vaccinazione: il Dipartimento della salute della contea di Saginaw ha ricevuto un avviso dal medico legale sulla morte del ragazzino.

Vaccino, tra i giovani circa 500 casi di miocardite negli Usa. L'inventore mRNA: «Troppi rischi»

«La perdita della vita in un adolescente per qualsiasi motivo è straziante», ha scritto il dipartimento della salute in una nota. «L'ufficiale sanitario Chris Harrington, MPH, e il direttore medico Delicia Pruitt, MD, hanno bambini vicini all'età del ragazzino, quindi per loro è molto vicino». A partire da mercoledì, il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) del CDC non includeva una voce per un adolescente del Michigan morto a giugno. Secondo vari rapporti, c'è un ritardo di due mesi tra i rapporti fatti al VAERS e quelli pubblicati al pubblico. La FDA ha poi aggiunto una nota sull'infiammazione del cuore ai vaccini Pfizer e Moderna. Durante una riunione del 23 giugno, l'Advisory Committee on Immunization Practices (ACIP) del CDC ha affermato che esiste una «probabile associazione di infiammazione cardiaca lieve negli adolescenti e nei giovani adulti dopo la vaccinazione».

«Mio figlio 17enne e mio marito ricoverati con coaguli dopo il vaccino con Pfizer e Moderna»

 

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha dichiarato che aggiungerà un avvertimento sui vaccini prodotti da Pfizer e Moderna, sottolineando i «rari casi di infiammazione cardiaca negli adolescenti e nei giovani adulti». Durante la riunione dell'ACIP del 23 giugno, i membri hanno riconosciuto più di 1.200 casi di infiammazione cardiaca tra i 16 ei 24 anni, che si verificano principalmente negli uomini. Tuttavia, hanno affermato che «i benefici dei vaccini superano i rischi»

Gli ultimi dati del VAERS mostrano 1.117 casi di miocardite e pericardite (infiammazione del cuore) in tutti i gruppi di età segnalati negli Stati Uniti a seguito della vaccinazione tra il 14 dicembre 2020 e l'11 giugno 2021. Dei 1.117 casi segnalati, 686 casi sono stati attribuiti a Pfizer, 391 casi a Moderna e 36 casi al vaccino Johnson & Johnson. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA