Rimanda il vaccino per paura degli effetti a lungo termine. La moglie lo contagia e muore a 27 anni

Rimanda il vaccino perché temva gli effetti a lungo termine. La moglie lo contagia e muore a 27 anni
3 Minuti di Lettura
Giovedì 5 Agosto 2021, 18:20

Non ha fatto in tempo a godersi le nozze che è morto a causa della variante Delta. Aude Alaskar, 27enne che viveva a Sidney, si era rifiutato di fare vaccino perché aveva paura degli effetti collaterali a lungo termine. Ma quelli del virus sono stati ben più gravi: è collassato sotto la doccia e non c'è stato modo di rianimarlo. Aude aveva sposato la moglie Yasmin poche settimane fa. È stata lei a passargli il Covid dopo averlo contratto in una casa di cura dove lavora. Si erano dovuti mettere in isolamento, ma lui non è sopravvissuto.

No vax, la mamma rimanda il vaccino «perché troppo impegnata»: muore a 25 anni

 

«Peggiorato improvvisamente»

Aude Alaskar lavorava come autista di un carrello elevatore. Il cugino Khalid Thijeel ha affermato che Aude non era un no vax, ma era preoccupato per i possibili effetti collaterali e «stava solo aspettando di vedere» se emergevano nuovi pericoli dalla vaccinazione. «Voleva vedere quali effetti a lungo termine ci fossero», ha raccontato il cugino al Daily Mail. Dopo aver contratto il virus, il tracollo è stato veloce. «Si è svegliato ieri, si sentiva bene, ha fatto colazione, ha chiamato la sua famiglia e poi si è fatto una doccia verso le 16:00 e basta», ha detto Thijeel. «Si è sposato solo circa 6 settimane fa... stava appena iniziando la sua vita».

Vaccino prenotato ma prende il virus: chef veneto stroncato dal Covid in pochi giorni, aveva 44 anni

 

La più giovane vittima nel Nuovo Galles del Sud

Aude è la più giovane vittima di Covid nel Nuovo Galles del Sud ed era al suo 13 giorno di isolamento domiciliare. Un altro cugino Bash Mnati ha reso omaggio ad Aude come un «uomo perfetto». «Era così gentile, era così bravo, non ha mai avuto problemi con nessuno», ha detto Mnati. «Si è appena sposato circa tre mesi fa e la sua festa di matrimonio era tra due mesi». Le sue condizioni di salute venivano controllate quotidianamente dal personale del distretto sanitario locale sud-occidentale di Sydney, ma l'ufficiale sanitario capo Kerry Chant ha affermato che «è improvvisamente peggiorato».

La “paziente 1” di Bologna, Bianca Dobroiu, torna positiva dopo più di un anno: «Ingenua a non vaccinarmi»

© RIPRODUZIONE RISERVATA