COVID

Madre di 4 figli muore di tumore all'utero a 27 anni: i medici le avevano diagnosticato una menopausa

Lunedì 5 Aprile 2021
Madre di 4 figli muore di tumore all'utero a 27 anni: i controlli erano sospesi a causa del Covid

Muore a 27 anni di cancro cervicale Lizzy Evans, madre di 4 figli, dopo che il suo medico di base le aveva diagnosticato una menopausa precoce. La giovane pensava di essere uscita dal tunnel della malattia riscontrata quando era incinta, ma le cure di controllo erano state interrotte per la pandemia lo scorso anno. Tornato il dolore, il suo medico aveva diagnosticato a Lizzy un problema alle ovaie, ma non era così. La storia della ragazza di Bagillt, nel Galles, inizia quando era in attesa del suo quarto figlio, momento in cui le è stato diagnosticato un tumore all'utero. Subito dopo il parto, indotto otto settimane prima, Lizzy ha iniziato le cure per il cancro andate poi a buon fine. I medici le avevano garantito dei controlli a seguire regolari per poter monitorare la situazione. Ma non è stato fatto: la pandemia scoppiata causa Covid-19 ha difatti interrotto i controlli per tutti, anche per lei.

 

 

 

 

La diagnosi del medico: menopausa precoce

Meno di un anno dopo Lizzy Evans ha iniziato a provare forti dolori alla schiena, alle spalle, alle costole e al collo, ma il suo medico di base le ha diagnosticato una menopausa precoce conseguenziale ai trattamenti anti tumorali che aveva fatto, rimandandola a casa con soli analgesici. Ma quando il dolore è peggiorato, la ragazza si è recata in ospedale dove ulteriori test hanno confermato che il problema non era alle ovaie ma che il tumore era tornato. Si era nel frattempo diffuso ai polmoni, al cervello e alla colonna vertebrale, diventando quindi terminale. La morte è sopraggiunta il 31 marzo. Lizzy ha lasciato i suoi 4 figli di nove, otto, due e un anno. 

 

 

 

 

Le dichiarazioni della ragazza

Prima della morte, la giovane ha raccontato al North Wales Live la sua storia con lo scopo di sensibilizzare l'opinione pubblica sulla tematica. Lizzy ha denunciato l'errata valutazione del suo medico di base e dei paramedici, i quali nonostante la denuncia di dolori lancianti da parte della ragazza le avevano certificato solamente un dolore scheletrico muscolare rimandandola a casa con semplici cure per il dolore. Quando il male della ragazza si è diffuso allo stomaco, i medici, ancora certi della loro diagnosi, pensavano che avesse un'ovaia contorta. Lizzy ha detto al North Wales Live: «Scoprire che avevo il cancro in primo luogo è stato uno shock enorme e dopo che ho superato tutto, abbiamo pensato che avremmo potuto andare avanti con le nostre vite e tornare alla normalità, tutto questo ha solamente peggiorato la situazione». 

 

 

Il matrimonio ed il funerale

Nonostante la diagnosi di malattia allo stadio ormai terminale, la ragazza, non ha voluto rinunciare al suo sogno: il matrimonio. La ventisettenne si è così sposata, pochi giorni prima della sua morte, con il fidanzato Joshua Evans a casa della mamma, la quale tra le lacrime ricorda Lizzy come «una persona così gentile e affettuosa che ha sempre aiutato gli altri». Anche al suo funerale, quando ormai tutte le speranze erano terminate, ci ha pensato Lizzy stessa, organizzandolo in ogni minimo dettaglio. La piccola comunità di Bagillt, cittadina del Galles dove Lizzy viveva, rimasta sconvolta dalla vicenda ha pensato di rendersi utile organnizzando una raccolta fondi totalmente devoluti al marito della giovane ed ai suoi 4 figli.  

 

 

Il lockdown fa aumentare i morti di cancro

Gravissimi gli effetti del primo lockdown del coronavirus a livello nazionale per i malati di tumore, le restrinzioni per contenere la pandemia hanno di fatto interrotto molti servizi sanitari per almeno tre mesi. Stando ai dati sono 35.000 i decessi in più per cancro nel 2021 e questi potrebbero essere causati anche dalle misure restrittive del lockdown. 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 14:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA