Covid Torino, 23enne in terapia intensiva scrive a Burioni. Il virologo: «Mascherine e distanze anche se siete giovani e forti»

Torino, ragazzo di 23 anni in terapia intensiva: «Mi stanno curando con il cortisone»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 24 Marzo 2021, 12:52 - Ultimo aggiornamento: 15:51

Gianluca è il nome del ragazzo di 23 anni che è finito in terapia intensiva all'Ospedale molinette di Torino. Ha voluto raccontare l'esperienza al dott. Roberto Burioni, che ha condiviso la storia tramite i social. «Anche se siete giovani e forti – ha twittato Burioni –, mascherina e distanziamento e quanto prima vaccino».

Cosa c'è scritto nel messaggio 

«Buonasera professore, sto provando a contattarla perché voglio che la mia testimonianza possa arrivare al grande pubblico». Di messaggi Burioni ne riceve a centinaia, se non migliaia. Difficile leggerli tutti, ma con questo prosegue. «Sono un ragazzo di 23 anni che è finito in terapia intensiva dopo 12 giorni di febbre». Gianluca racconta cosa gli è successo. «Sono stato intubato in seguito ad una fibrillazione atriale che è apparsa in mattinata e mi ha tenuto in sospeso, intubato, per una giornata intera». E a quel punto arriva la scoperta. «Mentre ero intubato hanno fatto un controllo con Bal, nei bronchi, e lì è venuto fuori li Covid».

Covid, ha un tumore ma non può essere operato per la pandemia: muore a 46 anni

Covid, scontro tra Bassetti e Simona Ventura: «Si prenda una laurea e venga a fare il mio mestiere»

Ci sono anche delle conseguenze per Gianluca. «Ho avuto in seguito un embolo polmonare e un piccolo versamento pleurico, ma ora sembro star meglio». Ora il giovane si trova «in reparto a bassa intensità e l'ossigeno è al 97-98%». Inoltre la «polmonite bileterale interstiziale sembra stia migliorando, qui alle molinette di Torino mi stanno curando con il cortisone». Conclude il messaggio scrivendo al professore una richiesta: «La prego di informare il pubblico sui rischi anche per noi giovani, perché è giusto che tutti facciamo attenzione, come ne ho sempre fatta io e comunque non è bastata».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA