Covid in Cina, infuoca la protesta contro il lockdown. Un nuovo aumento dei casi rallenta le aperture nel paese

Restrizioni rigidissime di Pechino nell'ambito della nuova politica anti-contagio "Zero Covid"

Covid, Cina: scontri con la polizia a Guangzhou durante le proteste contro il lockdown
di Cristiana Mangani
6 Minuti di Lettura
Martedì 15 Novembre 2022, 12:15 - Ultimo aggiornamento: 17 Novembre, 07:03

Le severe disposizioni antivirus della Cina stanno agitando la popolazione. Al punto che una folla di persone nella città di Guangzhou, nel sud del Paese, ha sfondato le barriere anti-Covid e ha manifestato per le strade  lunedì sera. Molte immagini e video sono stati fatti circolare online.

Tra gli ultimi focolai in Cina, quello di Guangzhou è il più grande, con nuove infezioni giornaliere di Covid-19 che superano per la prima volta i 5.000 casi e alimentano la speculazione sul fatto che le restrizioni potrebbero aumentare ancora di più. I video che sono stati condivisi su Twitter hanno mostrato scene di forte protesta nel distretto di Haizhu di Guangzhou. I manifestanti si sono lanciati contro gli addetti ai controlli Covid, perfettamente riconoscibili per via delle tute bianche indossate. Twitter è bloccato in Cina e questa mattina diversi hashtag relativi al tema delle "rivolte" nell'area sono stati cancellati dal Weibo cinese simile a Twitter. Né il governo della città di Guangzhou né la polizia provinciale del Guangdong hanno risposto alle richieste di commento.

Cina: prezzi produzione in calo, prima volta da dicembre 2020

Il governo ribadisce la linea "Zero Covid"

«La situazione era abbastanza tesa la scorsa notte - ha dichiarato alla Reuters uno dei residenti nella zona - . Tutti si sono assicurati che le loro porte fossero chiuse». Chet, il nome fornito dal cittadino cinese ha detto anche che i gruppi di chat locali e i feed dei social media sono stati inondati di video e immagini dell'episodio.

«Quando è successo così vicino a me l'ho trovato davvero sconvolgente - ha aggiunto l'uomo -. Non sono riuscito a dormire la scorsa notte dopo aver visto quelle immagini». Il complesso residenziale dove lui abita è rimasto isolato e chiuso per 20 giorni a causa delle restrizioni anti-Covid imposte dal governo.

Ieri la Cina ha riportato 17.772 nuove infezioni, rispetto alle 16.072 del giorno prima, anche se molte città hanno ridotto i test di routine dopo che le autorità hanno annunciato misure volte ad alleviare l'impatto di pesanti restrizioni per il coronavirus. A Pechino, le nuove infezioni sono aumentate rispetto ai dati dei giorni scorsi e sono 462. Le crescite principali riguardano le grandi città, tra cui Chongqing e Zhengzhou, che sono  tra le più colpite.

 

Cina, bimbo di 3 anni muore in casa per una fuga di gas: soccorsi impossibili a causa del lockdown

Tuttavia, la Cina sta lottando per limitare i danni della sua politica zero-Covid a quasi tre anni dall'inizio della pandemia, poiché l'ultimo di una serie di tristi rapporti economici ha mostrato che le vendite al dettaglio sono diminuite in ottobre e la produzione industriale è cresciuta più lentamente del previsto. Mentre molti residenti hanno espresso un cauto ottimismo dopo l'annuncio di venerdì che alcune delle rigorose politiche di protezione e prevenzione sarebbero state allentate, questa settimana sono aumentate le preoccupazioni per il peggioramento dei focolai e c'è stata confusione quando alcune città hanno interrotto i test di controllo.

Il mese scorso, un focolaio di Covid si è verificato in un enorme impianto Foxconn che produce iPhone Apple a Zhengzhou, e ha scatenato il caos, con molti lavoratori in fuga, che hanno anche scavalcato le recinzioni per uscire abbandonando la produzione. I funzionari di Guangzhou, che ospitano quasi 19 milioni di persone, hanno affermato che stanno preparando altri ospedali per soste brevi oltre ai sei che sono stati costruiti con 20.000 posti letto, e che servono principalmente per l'osservazione di persone infette senza sintomi.

I nuovi casi hanno raggiunto il livello più alto da aprile, superando i 5.000 a Guangzhou. «La curva dell'infezione di Guangzhou sta seguendo il ritmo dell'epidemia di marzo-aprile di Shanghai, sollevando la questione sulla necessità di attivare i blocchi di protezione in tutta la città», scrivono gli analisti di JPMorgan, riferendosi al blocco di due mesi di Shanghai, che ha scatenato disordini diffusi. «Diventerebbe una sorta di test - hanno affermato - per comprendere fino a che punto il governo vuole allentare le misure anti-Covid», così come fatto in tutto il mondo. JPMorgan ha stimato che le città con più di 10 nuovi casi cumulativi nell'ultima settimana ospitano 780 milioni di persone e rappresentano il 62,2% del Pil, circa il triplo dei livelli osservati alla fine di settembre.

Secondo le nuove regole della Cina, l'impegno a effettuare i tamponi deve essere più mirato, visto che rapporesebta un forte onere finanziario per la città. In Cina, infatti, i test vengono effettuati in modo massiccio. Sebbene siano stati aumentati i siti dove poterli effettuare, i tempi di attesa restano lunghi, alimentando la frustrazione dei cittadini, ai quali molti titolari del lavoro richiedono risultati negativi dei test entro 24 ore.

Su Weibo, un hashtag sulla chiusura delle cabine di prova è stato inondato di commenti critici prima di essere censurato: «Cosa dovrebbero fare i lavoratori?», ha scritto un utente. «Chi è il genio che ha inventato tutto questo?», è il commento di un altro. Oggi, i funzionari hanno detto che Chaoyang ha aggiunto ancora altri posti per i test, anche vicino agli uffici. La città ha vietato le visite alle residenze per anziani.

Le misure prese in questi giorni per allentare i controlli sembravano far ben sperare riguardo alla politica di chiusura dei confini che hanno causato grosse perdite economiche. Anche se gli esperti avvertono che la riapertura completa richiede un massiccio sforzo di richiamo della vaccinazione e anche un cambiamento nella messaggistica in un paese in cui il Covid continua a fare paura.

A Shanghai, che ha riportato numeri di infezione relativamente bassi, di cui 16 per lunedì, i condomini della zona interessata sono stati costretti a rimanere bloccati in casa, e lo Shanghai Disney Resort è stato chiuso dal 31 ottobre dopo che un visitatore è risultato positivo. Sebbene il governo centrale abbia sollecitato un approccio più flessibile al controllo delle epidemie, le autorità locali hanno ancora margine di manovra per bloccare gli edifici che considerano ad alto rischio.

«Le regole sono molto chiare, quindi perché il nostro edificio è chiuso?»,  ha chiesto un pensionato di Shanghai il cui edificio è stato sigillato con nastro adesivo lunedì mattina dopo che un "contatto stretto" è stato portato via e messo in quarantena.

© RIPRODUZIONE RISERVATA