ROMA

Il nipote infettivologo di nonna Peppina dona il plasma dopo aver avuto il Covid

Giovedì 28 Maggio 2020 di Rosalba Emiliozzi
Il nipote medico di nonna Peppina ha avuto il Covid e oggi ha donato il plasma

Il nipote di nonna Peppina, Alberto Borghetti infettivologo al Gemelli di Roma, ha avuto il Covid e oggi ha donato il plasma. A renderlo noto è la mamma Grabriella Turchetti, farmacista marchigiana che ha postato la foto del figlio in ospedale con il commento: «Normalmente sono molto attenta alla privacy della mia famiglia ma questa volta devo fare un’eccezione. Quando tuo figlio dona il suo plasma bello ricco di anticorpi neutralizzanti lo devi dire, primo perché le belle azioni siano emulate, secondo per fargli sapere che sei orgogliosa di lui. In questo periodo l’ansia per i miei figli è stata tanta, averli tutti e due in prima linea non è stato facile ora possiamo dire Caty pulita, Alby 1 a 0 contro covid 19. Bravi ragazzi vi voglio bene».

LEGGI ANCHE La nipote di nonna Peppina infermiera tra i malati Covid-19 a Pesaro: «Prepara le tagliatelle, ci rivedremo presto»

Caty, è Caterina Borghetti, infermiera a Pesaro, anche lei impegnata per mesi a contrastare l'avanzata del coronavirus, è la sorella di Alberto, i due nipoti di nonna Peppina, la donna simbolo del sisma del 2016, tenace e attaccata al suo paesino, Moreggiani di Fiastra, sui monti Sibillini, in provincia di Macerata, tanto da meritare un decreto che porta il suo nome che le ha consentito di abitare in una casetta di legno calda e accogliente,al posto di un container, in attesa della ricostruzione  della propria abitazione. 


«Mio figlio fortunatamente ha avuto una forma blanda di coronavirus, quasi asintomatica e ora sta bene» dice la mamma Gabriella al telefono. Alberto Borghetti, 33 anni, vive a lavora  nella Capitale da 2005, cioè dai tempi dell'università. «Credo che per un medico non esista esperienza più bella di diventare lui stesso la cura - dice il dottor Borghetti in un post sul suo profilo facebook - E con grandissima gratitudine ai promotori del trial sul plasma convalescente, in particolare alla mia stimata collega e amica professorassa Teofili (in prima linea sia sui protocolli che sul campo), al fantastico staff del centro trasfusionale, nonché a tutti i colleghi medici, infermieri, portantini, Oss, addetti alle pulizie (e tanti altri ancora) congiunti in questa sfida, vi facciamo presente che il #PoliclinicoGemelli è sempre e comunque #AGAINSTCOVID19! Se avete contratto la malattia, ora potete restituire il colpo e donare anche voi il plasma!;)».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA