Coronavirus a Enna, invitato alle nozze ma ha il Covid: 90 persone in quarantena, paura fino a Palermo

Coronavirus a Enna, invitato alle nozze ma ha il Covid e viene ricoverato: 90 persone in quarantena
3 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Luglio 2020, 11:21 - Ultimo aggiornamento: 17:29

Il coronavirus arriva a Enna. Una novantina di persone che hanno partecipato a una festa di matrimonio a Nicosia sono sottoposte a quarantena dopo la notizia che uno degli invitati che vive e lavora in Germania è risultato positivo al Covid-19 ed è stato ricoverato in ospedale al suo rientro dall'Italia. Tutti gli invitati saranno sottoposti a tampone nelle prossime ore mentre si stanno accertando i contatti che hanno avuto da sabato 26 luglio, data del matrimonio.

Virus, la lista delle attività più rischiose secondo 511 epidemiologi e scienziati Usa: «Sì alla spiaggia, no ai matrimoni»

Coronavirus, al matrimonio decine di invitati contagiati: morti i genitori degli sposi

Il ricevimento si è svolto in un locale di Gangi, nel palermitano. Potrebbe, dunque, allargarsi anche alla provincia di Palermo l'allerta. Dal Dipartimento Igiene pubblica dell'Asp di Enna è immediatamente partita la segnalazione all'Asp di Palermo. Oltre ai gestori del locale dovranno essere sottoposti a tampone una ventina di camerieri che hanno effettuato il servizio ai tavoli durante la festa. Intanto le persone in quarantena a Nicosia sono salite a 95 e il provvedimento nelle prossime ore si estenderà anche al parroco che ha celebrato la funzione e al barbiere dove il nicosiano, risultato positivo in Germania, era andato a pettinarsi sabato scorso. L'Asp di Enna ha comunicato che entro oggi tutte le persone in quarantena e quelle che dovessero essere nel frattempo individuate, verranno sottoposte al tampone. L'attivazione delle misure di sicurezza è stata immediata ed è scattata ieri appena le autorità sanitarie tedesche hanno comunicato la positività ed il ricovero del giovane, che aveva partecipato al matrimonio ed era ripartito il 28 luglio per la Germania.
 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA