No-vax, nega il virus fino all'ultimo istante: Marco De Veglia (guru del marketing) muore a 55 anni

No-vax, nega il virus fino all'ultimo: Marco De Veglia (guru del marketing) muore a 55 anni
3 Minuti di Lettura
Martedì 27 Luglio 2021, 08:57 - Ultimo aggiornamento: 28 Luglio, 10:43

Era un no-vax convinto. Sicuro che il Covid fosse una bugia. E ha negato l'esistenza del virus fino all'ultimo istante. «Da una settimana ho questa brutta influenza e non passa», aveva confessato a un amico che, premurandosi per la sua salute e nel timore che potesse trattarsi di Covid, gli aveva domandato se si fosse sottoposto a tampone. «Non ce n’è bisogno», la replica. Poi Marco De Veglia, italiano guru del marketing è morto a Miami, a soli 55 anni proprio a causa del virus. La testimonianza è di un amico, che ha preferito rimanere anonimo.

No-vax morto, niente tampone

 

«Era coerente con le sue convinzioni sbagliate. Nell’ultima telefonata, mercoledì 21 luglio, era ricoverato nel reparto di terapia intensiva e aveva il casco per l’ossigeno. Mi ha mandato una foto in cui aveva una brutta cera, ma era comunque fiducioso. Le ultime parole che mi ha detto sono state queste: ci sentiamo entro fine mese per riprendere il lavoro», racconta l'amico a La Stampa. 

Variante Delta, Lopalco: «Solo se tutti si vaccinano, a settembre la pandemia sarà come un'influenza»

Green Pass, D’Amato: «Riaprire le discoteche, gli abusi sono rischiosi»

Green pass: ipotesi obbligo su navi, aerei e treni da fine agosto. Vaccinato un italiano su due. Figliuolo: «Siamo all'ultimo miglio»

Marco De Veglia non ce l’ha fatta e sabato 24 luglio si è spento. L’amico continua: «Mi sento profondamente in colpa per non aver insistito di più. Doveva andare subito in ospedale a farsi quel dannato tampone. Il suo primo errore è stato non vaccinarsi. Ma senza il secondo errore forse adesso sarebbe ancora vivo. Marco era sommerso dalle fake news. E più l’algoritmo gliene mandava, più lui ci credeva. Ho sbagliato ad arrendermi. Dovevo insistere. Dovevo prenderlo a pugni, piuttosto. Dovevo convincerlo a farsi il vaccino in tutti i modi».

De Veglia era considerato uno dei più bravi “brand positioning” d’Europa, ovvero un professionista consiglia alle aziende come rendersi speciali sul mercato attraverso la giusta strategia comunicativa e la migliore strategia per affermarsi. Il 55enne era molto noto sui social network e negli ultimi mesi aveva sposato posizioni no-vax. Il 19 luglio sui social condivideva queste parole: «Il problema è che nella narrazione pandemica fatichiamo a trovare anche solo un 1% di verità. Eppure ci proviamo, ma niente da fare, una contraddizione dietro l’altra a fare da eco a una propaganda buffa quanto asfissiante. L’ultima sparata è quella dei pass».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA