Galli furioso a Cartabianca contro due medici no vax: «Pozzo di ignoranza, non hanno mai curato nessuno»

Galli furioso a Cartabianca contro due medici no vax: «Pozzo di ignoranza, non hanno mai curato nessuno»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 22 Settembre 2021, 11:48 - Ultimo aggiornamento: 17:37

Massimo Galli furioso ieri sera a Cartabianca. Il responsabile del reparto Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, ospite di Bianca Berlinguer su Rai3, non ha nascosto tutto il suo sdegno dopo le affermazioni di due medici no vax sospesi intervenuti durante un servizio. Uno di loro, non ha nemmeno avuto il coraggio di mostrare il suo volto, presentandosi incappucciato e di spalle davanti alle telecamere. L'altro invece, Roberto Bucchianeri, non si è nascosto sostenendo le sue tesi contro i vaccini. Secondo entrambi il vaccino non sarebbe stato sperimentato abbastanza («Servono dai 7 ai 10 anni») ed esisterebbe diversi farmaci in grado di curare il Covid, tesi più volte smentita da tutte le agenzie regolarie del farmaco del mondo. 

No-vax, quanto costa vivere di tamponi: dai 120 ai 180 euro a settimana

Galli furioso contro i no vax

«Uno che addirittura si mette col cappuccio perché non ha il coraggio di assumere apertamente le sue posizioni e quell'altro che è un vero pozzo di ignoranza», commenta Massimo Galli dopo il servizio. «Non lo conosco, per carità, ma fa due affermazioni che sono risibili - aggiunge il responsabile del reparto Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano - Per 10 anni di sperimentazione avremmo dovuto attendere 100 milioni di morti. Poi non è assolutamente così per nessun farmaco o vaccino. Avremmo dovuto aspettare e avere 100 milioni di morti per compiacere i dubbi di questo signore».

Greenpass obbligatorio, la corsa degli indecisi a vaccinarsi, battuti i novax

I vaccini funzionano

«Se non ci fosse la prova provata di quello che questi vaccini stanno facendo in termini di limitazioni, sia delle infezioni, che dei decessi e dei ricoveri - spiega Galli - se fossimo in una situazione di un vaccino che non funziona benissimo e che dà effetti collaterali molto maggiori, un minimo di dibattito sarebbe da aprire. Se parla di farmaci che risolvono benissimo il problema, vuol dire che questo signore non ne ha curato uno», conclude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA