Lisa muore a causa del tumore a 32 anni: matrimonio e battesimo della figlia 5 giorni prima dell'addio

Lisa muore a causa del tumore a 32 anni: matrimonio e battesimo della figlia 5 giorni prima dell'addio
3 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Novembre 2021, 18:27 - Ultimo aggiornamento: 18:29

«Ciao sorellina mia, sei stata fortissima, hai affrontato la malattia con una grinta assurda, non so che dire, non pensavo potesse degenerare tutto in così poco tempo, ma anche in quegli ultimi istanti hai voluto realizzare i tuoi desideri, sono felice di esserti stata accanto in questi momenti anche se a volte mi cacciavi via perché non volevi vedere nessuno e volevi stare al buio». Con questo messaggio Gaia ha salutato la sorella Lisa Marcato, una giovane mamma padovana morta a soli 32 anni.

 

La storia di Eleonora: «Vivo con il cuore di un’altra, mia figlia porta il suo nome»

L'Aquila, docente universitaria muore a 44 anni. «La malattia l'ha portata via in pochi mesi»

La storia

Quella di Lisa Marcato è una storia che tocca nel profondo. Ad appena 32 anni è morta per un tumore che se l'è portata via in appena sei mesi. Lascia il marito Daniele Gallo, con il quale viveva a Camposampiero, e la sua bimba di appena un anno. Ma pochi giorni prima di morire è riuscita a realizzare tutti i suoi sogni: sposarsi e battezzare la sua piccola. Il matrimonio è stato celebrato il 5 novembre, mentre il giorno seguente c'è stato il battesimo della figlia. Realizzati i suoi sogni più intimi, Lisa ha salutato tutti e pochi giorni dopo se ne è andata per sempre.

 

Il saluto della sorella Gaia

Toccante il saluto della sorella Gaia postato su Facebook. «Non oso immaginare quanto sia stata dura per te convivere con la consapevolezza che il tempo era poco, pochissimo - scrive Gaia -  Sono contenta di aver condiviso un sacco di avventure e viaggi, come sorelle e come amiche. Grazie per avermi fatto diventare zia e avermi scelto come madrina di Ginevra. Grazie per aver fatto il tuo ultimo respiro con me. Spero solo che ora sei serena e non senti più nessun dolore, ora puoi bere tutti i caffè del mondo con Fabio!»

© RIPRODUZIONE RISERVATA