Il piccolo Gregorio non ce l'ha fatta, morto a 6 anni per la leucemia. Oggi i funerali a Loreto

Il piccolo Gregorio non ce l'ha fatta, morto a 6 anni per la leucemia. Oggi i funerali a Loreto
3 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Settembre 2021, 15:55

Oggi pomeriggio Loreto si è fermata. C'era da salutare un angelo, un piccolo angelo di 6 anni appena, strappato alla vita e agli affetti da un mostro troppo grande da combattere e vincere. Gregorio Alessi è morto a causa della leucemia che sembrava aver sconfitto, tanto da far sperare la mamma di poterlo veder andare a scuola, alla prima elementare. Ma il male si è ripresentato più crudele che mai, uccidendolo mercoledì pomeriggio all'ospedale Salesi di Ancona dov'era stato ricoverato d'urgenza.

Un dramma cominciato tre anni fa con la terribile diagnosi e proseguita fra letti d'ospedale e terapie anti-tumorali. L'anno scorso il male sembrava essere regredito e destinato a scomparire, tanto da permettergli di frequentare l'ultimo anno di scuola materna all’Albero delle Stelle di Loreto, dove oggi pomeriggio alle 14 sono stati celebrati i funerali. 

L'Alcli partecipa alla campagna nazionale di sensibilizzazione sul cancro infantile “Accendi d’Oro, Accendi la Speranza”

Un lutto che ha sconvolto l'intera comunità, a cominciare ovviamente dalla mamma Patrizia Stefanelli molto conosciuta dalle famiglie della città mariana perché insegnante all’Istituto comprensivo di Loreto e al padre Giorgio. Una tragedia che si abbatte su una famiglia già devastata dalla perdita del primogenito Edoardo, morto anni fa dopo una settimana di vita a causa delle complicanze sopraavvenute dopo il parto.

«Come un aquilone senza corda e una farfalla senza ali, mia madre mi ha insegnato a volare con i sogni»: la frase scelta dai genitori, dagli zii e dai nonni, per i manifesti funebri tratta dall'opera dello scrittore statunitense William H. McMurry III. Lutto al quale si è unito tutta la città, coinvolgendo anche il club calcistico («Purtroppo il piccolo Gregorio è volato in cielo – dice il Loreto calcio – Riposa in pace piccolo angelo») e le mamme che avevano organizzato una raccolta fondi per sostenere la famiglia nelle cure. In tre giorni erano stato stati raccolti più di 7.500 euro sulla piattaforma Gofundme, dove campeggiava il racconto del dramma del piccolo Alessi: «Ciao mi chiamo Gregorio, ho quasi 7 anni. Vivo con la mia mamma in una piccolo paesino delle Marche. Quando sto bene mi piace guardare il mare da lontano. Purtroppo non posso fare molte cose. Ho lottato con la leucemia quasi da quando sono nato. Sembrava sconfitta, ma la gioia è durata poco. Dopo un anno di serenità, sono in recidiva. La mia mamma ed io siamo fortissimi, ma la lotta è dura, lunga e incerta. Abbiamo tante spese, dovrà anche mettersi in aspettativa non retribuita perché i permessi sono quasi finiti e mi dovranno anche fare una importante operazione e per tutta la vita avrò bisogno di medicine». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA