Jorge Lis morto di Covid a 46 anni. L'ex pilota spagnolo era No vax. La sorella: «Si era pentito»

Jorge Lis, ex pilota spagnolo no vax, morto di Covid a 46 anni. La sorella: «Si era pentito di non aver ricevuto il vaccino»
di Simone Pierini
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 8 Settembre 2021, 11:35 - Ultimo aggiornamento: 12:25

L'ex motociclista Jorge Lis, 46 anni, è morto di Covid martedì dopo più di 45 giorni passati in terapia intensiva. Nel 1996 si era classificato secondo in Spagna nella categoria 125 cc. Lis era un no vax convinto e dopo aver contratto la malattia si era pentito di aver rifiutato il vaccino e di non aver accettato un primo ricovero in ospedale. 

Covid, morta ragazza di 26 anni a Palermo: «Il vaccino l'avrebbe salvata»

No vax e negazionista, poi le scuse

Il caso di Jorge Lis si è diffuso in Spagna dopo le parole della sorella che ha raccontato il suo rammarico per non aver ricevuto il vaccino e di aver prestato attenzione alle teorie che negavano l'esistenza del virus. «Si è scusato per non aver ascoltato la scienza e di aver seguito le idee negazioniste trovate sui social», ha spiegato la donna. L'ex pilota aveva anche cercato di convincere i suoi amci e famigliari a non vaccinarsi. «Avevo paura del vaccino. Ha provato e ci ha chiesto per favore di non vaccinarci», ha aggiunto la sorella.

Paolo Tortora morto di Covid, la moglie: «Non era vaccinato, il virus lo ha ucciso in due ore»

Non aveva patologie pregresse

Jorge Lis non aveva patologie pregresse, conduceva uno stile di vita sano e praticava frequentemente sport. Poco prima di scoprire di aver contratto il Covid, secondo la sorella stava «nuotando e facendo giri in mountain bike». Tuttavia, dopo un mese e mezzo di battaglia in terapia intensiva, è morto per i danni che la malattia aveva causato ai suoi polmoni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA