Contrae l'hiv in laboratorio durante la tesi: studentessa fa causa a due atenei

Martedì 17 Dicembre 2019
1

Manipola alcuni 'pezzì di Hiv mentre prepara la tesi di laurea nel laboratorio di un'università straniera, e pochi mesi dopo scopre di aver contratto il virus. La vittima è un'ex studentessa, poi laureatasi in un'Università del Veneto. Ora - riporta il sito del "Corriere" - ha fatto causa a entrambi gli atenei, quello italiano di partenza e quello ospitante, chiedendo al Tribunale di Padova (competente per l'ateneo italiano) un risarcimento milionario. L'episodio risale a 7 anni fa.

Aids, non è più tabù il trapianto di organi su pazienti con Hiv

Un episodio, ha raccontato lei stessa, che le ha distrutto la vita. Ora la donna, assistita dall'avvocato Antonio Serpetti, del foro di Milano, si è sostanzialmente costruita una vita «parallela», nascondendo la sua condizione alla maggior parte delle persone con cui entra in contatto. Stando alla sequenza genetica della perizia di parte, il virus che l'ha colpita non circola tra la popolazione, ma corrisponde a quelli costruiti in laboratorio. Quindi il contagio potrebbe essere avvenuto proprio durante l'attività di ricerca. La vicenda giudiziaria è nelle fasi preliminari, anche se i giudici hanno già fissato la prima udienza; per l'avvocato Serpetti l'Hiv da laboratorio «è curabile ma con più difficoltà, perché i farmaci disponibili sono stati sviluppati sui virus circolanti».

Ultimo aggiornamento: 18:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Botte per buttare i sacchetti e le dispute rabbiose sul web

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma