Donato Guido, carabiniere No vax, morto di Covid: grave un collega (anche lui senza vaccino)

Gallipoli, carabiniere No vax morto di Covid. Grave un collega (anche lui senza vaccino)
3 Minuti di Lettura
Domenica 10 Ottobre 2021, 21:28 - Ultimo aggiornamento: 21:30

Tragedia nella Compagnia dei Carabinieri di Gallipoli dove un militare 52enne, Donato Guido, originario di Collepasso, è morto a causa del Covid e un altro collega è grave in ospedale.

L'uomo, appuntato scelto dell’Arma, è morto ieri al Fazzi di Lecce, dov’era ricoverato da circa due settimane perché positivo al Covid, contratto circa venti giorni fa, contro il quale non era vaccinato. Senza vaccino anche l'altro carabiniere in gravi condizioni, originario di Matino, che si trova attualmente ricoverato. I due uscivano spesso in servizio insieme. 

Ferrara, No vax muore di Covid: si era curato a casa con telemedicina e vermifughi

Studente no-vax prende il virus e muore a 20 anni. Diceva: «Sono sano, alla mia età non posso ammalarmi»

Un terzo caso tra i militari non vaccinati

Sempre a Gallipoli esiste anche un terzo caso di carabiniere non vaccinato risultato positivo al virus ma le cui condizioni fortunatamente non sono gravi. L'uomo, che si trova in isolamento nella sua abitazione a Casarano, sarebbe rimasto cotagiato nello stesso turno. 

Il sindacato: cordoglio e invito a responsabilità

In un comunicato Unarma Puglia esprime il suo cordoglio per l'accaduto. «Abbiamo assistito alla dipartita del collega avvenuta in pochi giorni», si legge nella nota del sindacato dei Carabinieri in cui si sottolinea anche che altri carabinieri della medesima compagnia sono rimasti contagiati ma non hanno avvertito sintomi perché vaccinati.

Da qui l'invito alla responsabilità: «Lungi dal voler intraprendere dibattuti sull'opportunità di certi strumenti giuridici di recente adozione e di opinabile utilità - concludono dal sindacato - questa associazione sindacale invita ogni carabiniere alla responsabilità delle proprie scelte e delle proprie azioni ponendo al centro della disputa sempre la sicurezza propria e degli altri dentro e fuori dal servizio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA