CORONAVIRUS

Coronavirus, negativo il test sulla donna in quarantena alla Cecchignola: ha la congiuntivite

Sabato 8 Febbraio 2020
Coronavirus, negativo il test sulla donna in quarantena alla Cecchignola: ha la congiuntivite

Una congiuntivite ha fatto scattare il trasferimento precauzionale allo Spallanzani di Roma per una donna che fa parte del gruppo dei 56 italiani rimpatriati da Wuhan, la città cinese epicentro del focolaio di coronavirus, il 3 febbraio scorso e in quarantena alla Cecchignola. «Solo congiuntivite», spiega il ministero della Salute.

Coronavirus, 17enne di Grado non rientra da Wuhan: «Ha la febbre»

Coronavirus, Tokyo 2020 Il Cio: «Olimpiadi a rischio? No, andiamo avanti»

E in serata la direzione sanitaria dello Spallanzani ha comunicato l'esito «negativo al 2019-nCoV» del test precauzionale sulla donna. Al momento, i casi accertati in Italia di positività al coronavirus sono tre: il giovane ricercatore della provincia di Reggio Emilia, che era sempre nel gruppo in quarantena alla Cecchignola, e la coppia di turisti cinesi. «Le misure di contenimento che abbiamo adottato hanno funzionato e non hanno consentito finora l'ingresso importante di altri casi», dice da Napoli il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri sottolineando che «finché non vi sono casi di trasmissione sul nostro territorio la situazione è sotto controllo».

«Sebbene negativa al test di nuovo coronavirus 2019-nCoV - sottolinea il ministero riguardo alla donna ricoverata - è stata trasferita, a titolo precauzionale, all'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma per ulteriori accertamenti». Ha invece iniziato la terapia antivirale e si trova «in buone condizioni generali con quadro clinico invariato», il giovane ricercatore. Stabili le condizioni dei due cittadini cinesi provenienti da Wuhan per i quali la prognosi «è tuttora riservata».

Intanto è risultato negativo al contagio da Coronavirus anche il test effettuato dall'Istituto Superiore di Sanità sui campioni biologici prelevati al 43enne ricoverato all'ospedale di Chieti in regime di sorveglianza sanitaria. Il paziente è affetto da una normale influenza. Su tutte le misure da adottare, per la prossima settimana è stata convocata, giovedì 13 febbraio a Bruxelles, su richiesta dell'Italia, la riunione dei ministri della Salute dell'Unione Europea, come annunciato dal ministro della Salute, Roberto Speranza, alla task-force sul Coronavirus 2019-nCov. Martedì 11 febbraio, alle 14.30, il ministro Speranza viene sentito al Comitato parlamentare di controllo sull'attuazione dell'accordo di Schengen, di vigilanza sull'attività di Europol, di controllo e vigilanza in materia di immigrazione, sulle misure di sicurezza, sotto il profilo sanitario, adottate alle frontiere esterne dello spazio Schengen, con particolare riferimento alla diffusione del coronavirus.

Negli aeroporti proseguono intanto i controlli serrati. Nella sola giornata di venerdì, rende noto la Protezione Civile, sono stati sottoposti al rilevamento della temperatura corporea 140.204 passeggeri garantendo la sorveglianza sanitaria su un totale di 1158 voli in arrivo. A nessuno dei passeggeri monitorati è stata rilevata una temperatura pari o superiore a 37.5, soglia oltre la quale il personale medico procede ad una ulteriore valutazione clinica della sintomatologia.
 

 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma