CORONAVIRUS

Coronavirus, come è cominciata l'epidemia: «Portato a Wuhan da una persona già infetta»

Lunedì 27 Gennaio 2020
Coronavirus, come è cominciata l'epidemia: «Portato a Wuhan da una persona già infetta»

Assomiglia sempre di più a un rebus la caccia all'origine del nuovo coronavirus cinese, che ha già infettato quasi 3.000 persone nel mondo causando più di 80 decessi. Dopo settimane in cui l'attenzione si è concentrata sul mercato del pesce di Wuhan, ora lo studio del primo caso noto di contagio, pubblicato sulla rivista The Lancet, rafforza l'ipotesi che a portare il virus 2019-nCoV nel mercato di Wuhan sia stata una persona già precedentemente infettata, e non per forza uno o più animali infetti. A suggerirlo, sul sito della rivista Science, è Kristian Anderson, biologo evoluzionista dello Scripps Research Institute di San Diego, impegnato nel sequenziamento del genoma del virus.

LEGGI ANCHE Coronavirus, ecco la mappa che mostra in tempo reale la diffusione dell'epidemia
LEGGI ANCHE Coronavirus, il cane mangia il passaporto e lei non parte per Wuhan: «Cercava di proteggermi»
 

Lo scenario «è verosimile, ma si chiarirà quando avremo indicazioni più precise sulla durata di incubazione della malattia», commenta l'esperto di malattie infettive Massimo Galli, dell'Università Statale di Milano e primario dell'ospedale Sacco. Le informazioni genetiche disponibili al momento «ci dicono che il virus sarebbe nato dalla ricombinazione tra un coronavirus dei pipistrelli e un coronavirus dei serpenti, per cui l'idea del mercato era suggestiva: non dimentichiamoci che il primo caso di Hiv nell'uomo arrivò verosimilmente da qualcuno che aveva macellato uno scimpanzé, e che un recente studio cinese ha evidenziato alti livelli di anticorpi contro il virus della Sars nei lavoratori di questi mercati anche se non erano mai stati malati. Ammettiamo dunque che un venditore di animali vivi possa essersi infettato precedentemente al suo arrivo al mercato di Wuhan e che da lui sia partita l'infezione», ipotizza Galli.

LEGGI ANCHE Coronavirus, ragazzino cinese insultato sul campo di calcio: «Spero tu ti ammali»
LEGGI ANCHE Coronavirus, l'ambasciata cinese a Roma: «Non è fuoriuscito da laboratorio militare»
 

 

«Stabilire una chiara relazione coi primi casi di infezione da coronavirus resta comunque molto difficile: è verosimile che una fetta importante di pazienti sia asintomatico o paucisintomatico e che di contatto in contatto si perda la relazione con il focolaio iniziale». Considerando anche la forte variabilità del virus, «è improbabile che si riesca a ricostruire esattamente la dinamica e la tempistica che ha portato al paziente zero, però - conclude Galli - ci potremo avvicinare». «Serviranno nuovi studi epidemiologici e soprattutto il sequenziamento del virus per andare a ritroso e avvicinarsi alla fonte animale», aggiunge Maria Lucia Mandola, dell'Istituto zooprofilattico del Piemonte. «Sappiamo che i pipistrelli potrebbero essere una riserva del virus, ma manca ancora l'anello di congiunzione tra noi e loro: è probabile che si tratti di piccoli mammiferi, serbatoi di difficile individuazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche