Emanuele, chirurgo veneto negli Usa: in un mese guadagna quanto un collega italiano in un anno intero

Lunedì 28 Ottobre 2019
7

Guadagna in un mese quanto un collega italiano porta a casa in un anno. E trascorre le giornate lavorative in sala operatoria al fianco di grandi chirurghi. Se la fuga di cervelli dalla sanità veneta ha un nome è quello di Emanuele Orrù, 35 anni, veneziano trapiantato a Mestre, una laurea in Medicina e Chirurgia all’università di Padova nel 2008 con 110 discutendo una tesi in cardiochirurgia pediatrica e una specializzazione in radiodiagnostica con 70 e lode. Lo racconta il Gazzettino.

Primario a 42 anni, la chirurga Alessia Pagnotta: faccio tornare il sorriso ai bambini col tumore

Quest’ultima era propedeutica per poter poi occuparsi di Neuroradiologia Interventistica, «una neurochirurgia mini-invasiva in grado di trattare patologie complesse dei vasi del cervello e del midollo spinale guidati in tempo reale dai raggi X» racconta il giovane medico appena uscito dalla sala operatoria del Lahey Hospital and Medical Center di Burlington, in Massachusetts, dopo aver eseguito un intervento per emorragia intra-cranica causata da aneurisma. Perché Emanuele Orrù dopo una formazione in Veneto è andato all’estero, ha convertito i propri titoli di studi, si è ulteriormente specializzato e ora lavora in un ospedale a 25 chilometri da Boston che per averlo paga mezzo milione di dollari all’anno.

Ultimo aggiornamento: 15:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma