Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Archie Battersbee, parla la mamma Hollie Dance: «Italia e Giappone erano disponibili ad accoglierlo»

Rassegnata al verdetto della corte di Londra, ora la mamma chiede il trasferimento in una struttura più dignitosa

Archie Battersbee, parla la mamma Hollie Dance: «Italia e Giappone erano disponibili ad accoglierlo»
2 Minuti di Lettura
Giovedì 4 Agosto 2022, 15:18 - Ultimo aggiornamento: 5 Agosto, 15:40

Hollie Dance, la mamma del piccolo Archie Battersbee, in coma da mesi al London Royal Hospital e per il quale è stata ordinata l'interruzione del supporto vitale, ha pesantemente criticato il sistema sanitario e giudiziario britannico. La donna ha raccontato che due strutture in Italia e Giappone avevano fornito la loro disponibilità per accogliere il piccolo Archie per continuare a garantire sostegno medico al bambino. Ma le autorità inglesi hanno negato il nulla osta per il trasferimento.

Archie Battersbee, il giudice dà il via libera a staccare la spina al 12enne in coma

Le autorità britanniche hanno vietato il trasferimento

La donna ha dichiarato con estremo dolore che la battaglia legale per rinviare lo stop al fine vita del figlio è «giunta al termine» ed siè rassegnata al triste epilogo dopo che ieri anche la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo di Strasburgo ha respinto il ricorso della famiglia e si è dichiarata con le mani legate circa un intervento per cambiare il verdetto stabilito dalla giustizia britannica. La Bbc ha riportato che Hollie Dance tenterà almeno di ottenere il trasferimento di Archie all'interno di un hospice in cui possa ottenere una «morte più degna». Per questo la donna ha deciso di rivolgersi all'Alta corte di Londra presentando un ricorso per spostare il figlio in una struttura vicino a casa, in modo da staccare la spina lì e non in ospedale.

Archie Battersbee, la Corte d'appello di Londra: «Staccare la spina». Poche ore prima il padre del 12enne colpito da un infarto

© RIPRODUZIONE RISERVATA