Tumori, farmaco blocca riparazione cellule cancerogene. I medici: «Promettente»

Martedì 23 Giugno 2020
Tumori avanzati, a sorpresa farmaco blocca riparazione cellule cancerogene I medici: «Promettente, ma serve prudenza»

Buone notizie per le cure dei tumori:  un nuovo farmaco potrebbe impedire alle cellule tumorali di ripararsi da sole. Più della metà dei 40 pazienti trattati con berzosertib ha sperimentato un arresto della crescita del tumore, e il medicinale è stato ancora più efficace se somministrato insieme alla chemioterapia, come suggerisce uno studio condotto dall'Institute of Cancer Research (Icr) e dal Royal Marsden Nhs Trust, per testare la sicurezza del farmaco, i cui risultati sono pubblicati sul 'Journal of Clinical Oncology'.

Tumore del rene: diminuiscono i casi grazie agli uomini che fumano di meno
Tumori, allarme degli oncologi: «Dopo il Covid subito prevenzione, altrimenti si rischia una nuova epidemia del cancro»

Si tratta del primo di una nuova classe di trattamenti che bloccano una proteina coinvolta nella riparazione del Dna. Lo studio ha coinvolto pazienti con tumori molto avanzati, per i quali nessun altro trattamento aveva funzionato.

Patrizia ha un tumore al seno, rifiuta la chemioterapia per far nascere sano il proprio figlio: equipe di oncologia la salva

Il trial, si legge sulla 'Bbc online', era progettato esclusivamente per testare la sicurezza del trattamento. Secondo Chris Lord, professore di genomica oncologica all'Icr e fra gli autori della ricerca, questi primi dati sono «molto promettenti», anche perché è insolito negli studi di fase I vedere una risposta clinica. Ulteriori trial saranno necessari per dimostrare l'efficacia del farmaco. 

Cancro pediatrico e coronavirus: l'associazione Peter Pan chiede aiuto

E c'è chi invita alla cautela. «Questo studio ha coinvolto solo un piccolo numero di pazienti. Pertanto, è troppo presto per considerare berzosertib un punto di svolta nel trattamento del cancro», ha affermato Darius Widera dell'Università di Reading.
 

 

«Tuttavia, gli effetti insolitamente forti di berzosertib, specialmente in combinazione con la chemioterapia convenzionale, danno motivo per essere ottimisti».
 

Un paziente coinvolto nello studio, con carcinoma intestinale avanzato, ha visto scomparire il tumore dopo il trattamento ed è rimasto privo di cancro per 2 anni. Ma il lavoro ha riguardato solo un piccolo gruppo di pazienti, avvertono gli stessi autori. La successiva fase di sperimentazione è già in corso.

Ultimo aggiornamento: 20:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA