Svezia, il report di “Lancet”: «Scarsa strategia nazionale, poche restrizioni, test inadeguati: ecco perché i casi crescono ancora»

Svezia, report di Lancet : «Scarsa strategia nazionale, poche restrizioni, test inadeguati: ecco perché i casi crescono ancora»
di Michele Galvani
6 Minuti di Lettura
Giovedì 24 Dicembre 2020, 13:51 - Ultimo aggiornamento: 25 Dicembre, 12:01

«Scarsa strategia nazionale, test inadeguati, poche restrizioni: ecco perché i casi Covid in Svezia continuano a crescere». Lo sostiene un rapporto datato 22 dicembre di “Lancet”, la storica rivista scientifica inglese che analizza (anche) l'andamento della pandemia. Secondo Lancet, nella «seconda ondata della pandemia Covid-19, la risposta nazionale svedese continua a essere un valore anomalo con casi e decessi in aumento più rapidamente rispetto ai suoi vicini nordici». La rivista, punto per punto, mette a fuoco i motivi di quello che chiama «fallimento».

Heather Parisi contro il vaccino: «E' sperimentale, io e la mia famiglia non lo faremo»

Il 20 dicembre 2020, i decessi «avevano superato quota 8000 (787 morti per 1 milione di abitanti), che è da 4,5 a dieci volte superiore a quella dei suoi Paesi vicini. Questa differenza tra i paesi nordici non può essere spiegata semplicemente dalle variazioni nelle culture nazionali, storie, dimensioni e densità della popolazione, i modelli di immigrazione, le rotte attraverso le quali il virus è stato introdotto per la prima volta o il modo in cui vengono segnalati casi e decessi. Le risposte a questo enigma vanno invece ricercate nella strategia nazionale svedese, nei presupposti su cui si basa e nella governance del sistema sanitario che ha consentito alla strategia di proseguire senza importanti correzioni di rotta».

Dall'inizio della pandemia, «l'Agenzia per la sanità pubblica, Folkhälsomyndigheten (FHM), ha intrapreso un approccio di fatto di immunità di gregge, consentendo la trasmissione della comunità in modo relativamente incontrollato - prosegue il report - . Non sono state prese misure obbligatorie per limitare la folla sui trasporti pubblici, nei centri commerciali o in altri luoghi affollati, pur raccomandando un limite di 50 persone per le riunioni. I test sul coronavirus, la ricerca dei contatti, l'identificazione della fonte e la segnalazione, come raccomandato dall'Oms, erano limitati e rimangono inadeguati. A nostro avviso, non vi è ancora un riconoscimento sufficiente nella strategia nazionale dell'importanza della trasmissione presintomatica e asintomatica, della trasmissione di aerosol e dell'uso di mascherine. Solo recentemente sono state introdotte mascherine nelle case di cura e nelle strutture sanitarie (11 novembre 2020, a Stoccolma) e saranno raccomandate "sui trasporti pubblici in determinati orari" dal 7 gennaio 2021. Altri interventi incrementali sono stati introdotti, come il divieto di vendita di alcolici dalle 22.00 (introdotto l'11 novembre 2020) alle 20.00 dal 24 dicembre 2020, raccomandando un ulteriore limite ai raduni ed esortando le persone ad assumersi la responsabilità individuale e a rimanere a casa quando hanno i sintomi».

Covid, l'affondo di Guariniello: «Chi non si vaccina può essere licenziato»

Con questo approccio graduale, «il numero di morti in Svezia ha raggiunto il picco durante la prima ondata di 102 morti segnalate (media mobile su 7 giorni) il 21 aprile 2020, a un livello più alto e con un declino più lento rispetto ai vicini paesi nordici. Anziché anticipare la seconda ondata e cambiare rotta, il governo svedese ha allentato le restrizioni all'inizio di ottobre 2020, aumentando il numero di partecipanti agli eventi pubblici da 50 a 300 e consentendo alle persone di età superiore a 70 anni di incontrarsi con la famiglia e gli amici».

Molte voci critiche «sono state sollevate sulla risposta nazionale della Svezia al virus e sul suo fallimento nel raggiungere i suoi obiettivi di appiattire e accorciare le curve dei casi, dei ricoveri e dei decessi. The Corona Commission (Coronakommissionen), nominata dal governo svedese per rivedere la risposta nazionale, si è concentrata inizialmente sulle persone anziane. Il 15 dicembre 2020, la Commissione Corona ha concluso che il singolo fattore più importante dietro le principali epidemie e l'alto numero di decessi di anziani nell'assistenza residenziale è la diffusione complessiva del virus nella società.

La revisione indipendente delle prove disponibili della «Royal Swedish Academy of Sciences convalida le raccomandazioni dell'Oms di mantenere la distanza fisica, indossare una mascherina, mantenere le stanze ventilate, evitare la folla e praticare una buona igiene delle mani e delle vie respiratorie. Tuttavia, i casi e i decessi in sono in rapida crescita e le strutture di terapia intensiva e gli operatori sanitari sono tese al limiti in molte regioni della Svezia».

La pandemia «ha rivelato fallimenti nella governance e quadri giuridici per i servizi sanitari e sociali in Svezia, compreso un coordinamento multisettoriale inadeguato, responsabilità di più autorità a diversi livelli (comune, regione e centrale) che condividono responsabilità e trasparenza nei processi decisionali e decisionali. Inoltre, la partecipazione e l'impegno delle principali parti interessate, inclusi scienziati informati, società civile e competenze in materia di comunicazioni sui cambiamenti comportamentali sono stati insufficienti».

Conte: «Se nuova impennata zona rossa anche a gennaio». Scuole riaperte dopo la Befana, didattica in presenza al 50%

Infine, la vaccinazione dovrebbe iniziare a gennaio 2021. «La Svezia potrebbe essere in grado di attuare un forte programma di vaccinazione se rafforza il coordinamento tra agenzie e la collaborazione decentralizzata, fornisce maggiore trasparenza e responsabilità, inclusa una strategia nazionale pubblica sui vaccini e un sistema di monitoraggio e sviluppa una strategia e un piano di comunicazione efficaci. Nel frattempo, i casi continuano ad aumentare e troppe persone muoiono inutilmente in un paese senza azioni concertate tempestive per interrompere l'alta trasmissione e ridurre il carico di morti e malattie».

Lancet, alla fine scrive: «Non dichiariamo interessi in competizione». Tradotto: è uno studio analitico, nessun complotto.

Qui il link del report https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(20)32750-1/fulltext 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA