Uno studio svela perché siamo veloci a giudicare e lenti a lodare

Venerdì 4 Dicembre 2015
Uno studio svela perché siamo veloci a giudicare e lenti a lodare

Una nuova ricerca della Duke University aiuta a spiegare il paradosso del perché siamo sempre pronti a biasimare le persone per le loro azioni, ma siamo molto più lenti a dare loro credito.
Pubblicato sulla rivista “Scientific Reports” lo studio è «il primo a utilizzare strumenti della neuroscienza per cercare di spiegare perché le persone tendono a giudicare le azioni negative come intenzionali, mentre le positive come fortuite» spiega l'autore principale Lawrence Ngo.

Il team ha valutato differenze nei tratti di personalità e altri indicatori psicologici in un gruppo di persone. Utilizzando la risonanza magnetica funzionale, i ricercatori hanno anche analizzato l'attività del cervello delle persone usano due diversi meccanismi per giudicare quanto intenzionale sia un'azione.

Se questa ha prodotto un effetto negativo, i partecipanti hanno più probabilità di attingere da aree cerebrali coinvolte nell'elaborazione delle emozioni (in particolare, l'amigdala, ben nota per il suo ruolo nelle sensazioni negative). Ora gli esperti stanno progettando nuovi studi sulla fiducia, l'inganno e l'altruismo.

Ultimo aggiornamento: 5 Dicembre, 22:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA