Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rigenerati i muscoli di 5pazienti
“incollando” le staminali
con una sostanza prelevata dai maiali

Rigenerati i muscoli di 5pazienti “incollando” le staminali con una sostanza prelevata dai maiali
2 Minuti di Lettura
Domenica 4 Maggio 2014, 16:40 - Ultimo aggiornamento: 6 Maggio, 23:20

ROMA Rigenerati con una terapia innovativa i muscoli delle gambe di 5 pazienti gravemente danenggiati e incurabili in altro modo. Per la prima volta testata su pazienti, la cura consiste nell'uso di una sostanza biocompatibile . una specie di collante - prelevata da tessuti di maiali.

Pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine il traguardo si deve a Stephen Badylak dell'università di Pittsburgh. Detta “matrice extracellulare”, questa sostanzastimola le staminali nel corpo dei pazienti a recarsi nella sede del danno e lì ad “incollarsi” insieme per creare nuova fibra muscolare.

Il muscolo ha parziali capacità rigenerative ma quando la lesione è troppo estesa come in seguito a grossi traumi o ferite di guerra (perdita muscolare volumetrica) il paziente non recupera. Ad oggi non vi sono cure efficaci su qeusto fronte.

Gli esperti hanno coinvolto cinque pazienti con una perdita fino al 90% del volume muscolare della gamba incurabili in altro modo. I medici li hanno prima sottoposto a una terapia riabilitativa per alcune settimane, poi hanno rimosso la cicatrice nella zona della lesione e iniettato in quella sede la sostanza di tessuti di maiale e dopo per circa 5 settimane hanno sottoposto i pazienti a esercizi di riabilitazione.

Dopo le iniezioni di questa sostanza acellulare (una specie di collante, simile al collagene), il muscolo dei pazienti si è rigenerato in modo consistente e le loro abilità motorie sono migliorate. La matrice inietatta si è riassorbita ed è scomparsa. Il suo ruolo è stato quello di richiamare in sede staminali da altri distretti corporei e qui indurle a incolarsi e fondersi insieme per formare una nuova fibra muscolare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA