Se sei una donna, la diagnosi arriva anni dopo rispetto agli uomini

Mercoledì 27 Marzo 2019
Per quasi tutte le malattie, fatta eccezione per l'osteoporosi, le donne arrivano a una diagnosi alcuni anni dopo gli uomini. Lo ha scoperto uno studio dell'università di Copenhagen pubblicato da Nature communications, secondo cui in media, su quasi mille patologie considerate, la differenza è di quattro anni. La ricerca ha analizzato i dati di 6,9 milioni di danesi, divisi per genere e seguiti per un periodo di 21 anni, dal 1994 al 2015, e l'età alla prima diagnosi è risultata in media più alta per le donne per quasi tutte le aree considerate.

Tra le malattie con la differenza più marcata c'è il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività, (Adhd), che in media viene trovato negli uomini a 14 anni e nelle donne a 20. Per i tumori la differenza è 2,5 anni, mentre per i disturbi metabolici come il diabete è di 4,5 anni. Tra le poche eccezioni c'è l'osteoporosi, che nelle donne viene trovata di solito prima che si arrivi a una frattura mentre nei maschi solo quando c'è il primo ingresso al pronto soccorso dopo un evento traumatico.
«Il messaggio è che le strategie nazionali per le diagnosi devono tenere conto di questa differenza - concludono gli autori -. Non si può usare un modello uguale per tutti. Non è ancora chiaro se le differenze sono dovute alla genetica, all'ambiente, ai criteri diagnostici o a un mix di questi fattori, stiamo proseguendo la ricerca per valutarlo».    © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma