Pillola contraccettiva maschile “non ormonale”, in un anno al via la sperimentazione: funziona così

Efficace al 99% sui topi

Pillola contraccettiva maschile, entro un anno al via la sperimentazione
3 Minuti di Lettura
Giovedì 24 Marzo 2022, 18:26 - Ultimo aggiornamento: 26 Marzo, 10:07

La pillola contraccettiva per gli uomini è sempre più vicina. Il farmaco, testato sui topi ha già dato ottimi risulati e ora entro un anno potrebbe essere sperimentato sugli umani e, se i risultati sono positivi, entrare in commercio in 5 anni. 

La ricerca sarà presentata alla conferenza di primavera dell'American Chemical Society. Negli studi condotti finora sui topi, la pillola si è rivelata effice al 99% e non ha causato evidenti effetti collaterali. 

Molti uomini vorrebbero condividere la responsabilità della contraccezione

I primi dati sperimentali segnano infatti un passo importante per la contraccezione maschile, che resta un fenomeno molto marginale all'interno delle coppie. «Molti studi dimostrano che gli uomini sono interessati a condividere la responsabilità della contraccezione all'interno della coppia», dice il dottor Abdullah Al Noman, ricercatore dell'Università del Minnesota, che presenterà questo lavoro alla conferenza. Le uniche vie possibili e riconosciute di contraccezione per l'uomo sono infatti l'uso di preservativi e la vasectomia - una soluzione duratura dopo la quale volte è complicato (e costoso) tornare indietro. 

La ricerca sul farmaco è iniziata negli anni '60 

La ricerca di una pillola anticoncezionale per gli uomini risale agli anni '60, gli stessi nei quali veniva approvato il suo equivalente per le donne. La pillola femminile si basa sulla somministrazione di ormoni sintetici che interrompono il ciclo mestruale, ma finora non è stato possibile riprodurre un meccanismo simile sugli uomini. 

I tentativi di sviluppare un equivalente di pillola per gli uomini agendo sull'ormone maschile del testosterone hanno infatti causato effetti collaterali indesiderati come aumento di peso, attacchi di depressione e aumento dei livelli di colesterolo, con conseguente aumento del rischio di malattie cardiache.

L'obiettivo è una pillola senza effetti collaterali

Ora il team di scienziati punta a sviluppare una pillola "non ormonale" che non dovrebbe incorrere in effetti collaterali. Somministrato per via orale a topi maschi per quattro settimane, il composto chimico 'YCT529' ha ridotto drasticamente la produzione di sperma ed è stato efficace al 99% nel prevenire la gravidanza, senza effetti collaterali osservati. Sei settimane dopo aver interrotto l'ingestione di YCT529, i topi hanno potuto riprendere a riprodursi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA