Pfizer, un nuovo farmaco antivirale contro il Covid: al via i test preliminari di fase 1

Pfizer, un nuovo farmaco antivirale contro il Covid: al via i test preliminari di fase 1
di Riccardo De Palo
3 Minuti di Lettura

Nello sforzo mondiale di identificare un farmaco efficace contro il coronavirus, si fa avanti Pfizer, che annuncia progressi nella messa a punto di un nuovo antivirale. Il prodotto verrà ora testato negli Stati Uniti, nella fase uno (che serve a verificare che il prodotto sia sicuro e non tossico) prima di procedere a sperimentazioni di maggiori proporzioni. Il prodotto candidato, spiega l’azienda farmaceutica in una nota, è denominato PF-07321332. Si tratta di un inibitore della proteasi che si è rivelato efficace nei test in vitro contro il SARS-CoV-2 che provoca il Covid, e anche contro altri coronavirus. Questo lo rende un farmaco «promettente anche nel trattamento di future malattie da coronavirus». 

Covid, Eli Lilly: «Con anticorpi monoclonali - 87% ricoveri e decessi. Efficaci anche su varianti»

«Affrontare la pandemia da Covid-19 richiede sia la prevenzione con i vaccini e anche trattamenti specifici per chi ha già contratto il virus. Dato il modo in cui SARS-CoV-2 sta mutando e il presente impatto glovale del Covid-19, sarà necessario avere accesso a diverse opzioni terapeutiche, ora e dopo questa pandemia», ha detto Mikael Dolsten,Chief Scientific Officer e presidente della ricerca e sviluppo medico di Pfizer. «Abbiamo messo a punto PF-07321332 come una potenziale terapia orale che potrebbe essere prescritta con i primi segni di una infezione, evitando il ricovero dei pazienti. Ma questo farmaco potrebbe essere anche essere somministrato per via endovenosa ai pazienti ospedalizzati».

Molnupiravir, il farmaco (creato come antinfluenzale) riduce più velocemente l’infezione da Covid

Gli inibitori della proteasi si legano a un enzima virale (chiamato proteasi), che impedisce al virus di replicarsi nelle cellule. Altri farmaci di questa categoria sono stati usati nel trattamento di malattie come l’Hiv e l’epatite C, spesso da soli o usati in combinazione con altri antivirali. 

«Dopo i promettenti dati preclinici iniziali - scrive su Twitter il Ceo di Pfizer, Albert Bourla - siamo lieti di condividere l'inizio delle somministrazioni in adulti sani, nell'ambito di un trial di fase 1 che punta a valutare la sicurezza e la tollerabilità del nostro nuovo candidato antivirale orale contro le infezioni da Sars-CoV-2».

I risultati preliminari, precisa Pfizer, verranno presentati il 6 aprile in una sessione dedicata a Covid-19 durante il meeting Spring American Chemical Society.

Di recente, un altro farmaco aveva riscosso attenzione, il molnupiravir (anch’esso somministrabile oralmente) in fase di sperimentazione 2 e 3. La sperimentazione avverrà anche in Italia, presso l’ospedale San Martino di Genova. I risultati preliminari sono risultati molto incoraggianti.

Mercoledì 24 Marzo 2021, 12:04 - Ultimo aggiornamento: 12:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA