Vaccino, il professore di Oxford: «Questo virus muta troppe volte, il siero potrebbe non essere risolutivo»

Vaccino, professore Oxford: «Il virus muta troppe volte, il siero potrebbe non essere risolutivo»
di Michele Galvani
4 Minuti di Lettura
Sabato 19 Dicembre 2020, 10:22 - Ultimo aggiornamento: 20 Dicembre, 10:13

Un professore di Oxford mette il mondo in guardia: le mutazioni di Covid potrebbero rendere inutilizzabile il vaccino. Richard Moxon - fondatore dell'Oxford Vaccine Group - ha fatto sapere che una mutazione può «cambiare improvvisamente il comportamento del virus», rendendolo più grave o rendendo inutile la somministrazione. Ma ha sottolineato anche che i timori circa l'impatto delle mutazioni su un vaccino sono attualmente «bassi». Il professor Moxon, noto pediatra, ha raccontato che il SARS-CoV-2 ha subìto molti cambiamenti da quando è stato segnalato per la prima volta. Quindi, in sostanza, il coronavirus va studiato ancora di più, se possibile.

Il vaccino Covid protegge dalla malattia insegnando al sistema immunitario come combattere il patogeno. Crea anticorpi, proteine ​​che combattono le malattie prodotte e immagazzinate per combattere gli invasori in futuro attaccandosi alle loro proteine ​​spike. Ma se non sono in grado di riconoscere le proteine ​​perché sono mutate, significa che il corpo può lottare per attaccare un virus la seconda volta e portare a una seconda infezione. Parlando su Channel 4 allo show Is It Safe?, il professor Moxon ha dichiarato: «Dovremo monitorare il comportamento del virus, la sua evoluzione, con molta attenzione. Non sapremo mai quando un cambiamento nel codice genetico del virus potrebbe cambiare improvvisamente il comportamento del virus in un modo che causa una malattia più grave o, come possibilità un problema per i vaccini». Il virus «ha già subìto molti, molti cambiamenti, ma il mondo è stato fortunato perché nessuno di questi ha finora creato una malattia più grave».

Vaccino Covid, primi contatti tra Bruxelles e Mosca: partono le procedure per Sputnik V in Ue

Il professor Moxon ha poi specificato detto che il Covid-19 non è come l'influenza che può "accelerare" le mutazioni, ma gli scienziati continueranno a monitorarlo in modo che «non permettiamo al virus di fare un balzo in avanti». Il professore emerito di pediatria ha affermato che la sua più grande preoccupazione sono le conseguenze mediche a lungo termine del coronavirus e quanto a lungo dureranno. Moxon, che non era coinvolto nella produzione del vaccino Covid di Oxford, ma ha fondato il gruppo dietro il jab sperimentale, è anche preoccupato per come verrà raggiunta la vaccinazione a livello mondiale.

«Dobbiamo accettare il fatto che i nostri vaccini, che è lo strumento più importante che abbiamo per combattere la malattia, devono arrivare a tutti nel mondo». Questo «è un compito molto, molto difficile per tutti i tipi di ragioni economiche, sociali e di altro tipo. Spero che, per essere prudente, l'uso di mascherine, per la maggior parte, se non per tutto il tempo, inizi a diventare pratica comune almeno fino all'autunno del 2021». Il segretario alla sanità Matt Hancock si era già impegnato a vaccinare "milioni" di persone entro Natale. Ma le statistiche ufficiali hanno rivelato che solo 138.000 britannici hanno ricevuto il vaccino Pfizer / BioNTech nella prima settimana del lancio fino al 15 dicembre. A quel ritmo - circa 17.237 colpi al giorno - meno di 400.000 persone avrebbero ricevuto la prima dose del vaccino, presa tramite due iniezioni a tre settimane di distanza, entro il 29 dicembre.

 La campagna di vaccinazione Covid, la più grande nella storia britannica, è stata ostacolata da ritardi nelle consegne e burocrazia aggiuntiva che minacciano di rallentare la velocità con cui può essere ampliata. I funzionari hanno redatto un elenco di priorità vaccinale per 30 milioni di residenti vulnerabili che dovrebbero essere vaccinati per primi, compresi chi è ricoverato nelle case di cura, gli anziani e il personale sanitario.

Covid, lo studio dell'Università di Milano: «In Italia circolava già a novembre 2019»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA