CORONAVIRUS

Vaccino Moderna, Canada e Stati Uniti avviano test su bambini under 12: lo studio

Martedì 16 Marzo 2021
Moderna, Canada e Stati Uniti avviano test vaccinali su bambini under 12 anni: lo studio

Moderna, al via i test dei vaccini anti Covid sui bambini: l'obiettivo è di arruolarne 6.750 tra i sei mesi e i 12 anni compiuti. Con le prime somministrazioni, il test di fase 2 e 3 del vaccino anti coronavirus sui bambini tra 6 mesi e 12 anni è ufficialmente incominciato. Lo ha annunciato l'azienda farmaceutica in un comunicato: lo studio, condotto con il National Institutes of Health e il dipartimento della Difesa statunitensi, si svolgerà principalmente in Usa e Canada. La somministrazione della seconda dose, si apprende, avverrà a distanza di 28 giorni.

Vaccini, EMA: Pfizer, Moderna e J&J efficaci contro varianti

 

La dichiarazione

«Siamo incoraggiati dai risultati dei test di fase 3 sugli adulti - ha spiegato Stéphane Bancel, Chief Executive Officer di Moderna - e questo studio pediatrico ci aiuterà a capire sicurezza e immunogenicità del vaccino nei più giovani», così Bancel. «Siamo lieti di iniziare questo studio - ha proseguito l'amministratore delegato di Moderna - di fase 2-3 del vaccino mRna-1273 in bambini sani negli Stati Uniti e in Canada e ringraziamo il Niaid e la Barda (Biomedical Advanced Research and Development Authority) per la loro collaborazione», ha concluso Bancel.

Vaccini, il nuovo piano: 80% italiani immuni a settembre, dosi ai dipendenti nelle grandi aziende

I test

Nella prima parte della sperimentazione si apprende che a metà dei soggetti verrà dato il placebo, e verranno testati diversi dosaggi del vaccino: ai soggetti tra due e 12 anni verranno dati 50 o 100 microgrammi, mentre a quelli tra sei mesi e due anni 25, 50 e 100 microgrammi, con quest'ultima che è la dose che viene somministrata agli adulti. Dopo un'analisi ad interim verrà individuata la dose ottimale per fascia d'età, che verrà quindi utilizzata nella fase 2, e tutti i partecipanti verranno seguiti per un anno, a distanza dalla somministrazione della seconda dose, per valutare sicurezza, efficacia e capacità di generare una reazione immunitaria del vaccino.

 

Ultimo aggiornamento: 15:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA