Mix vaccini contro il Covid, Popoli (Aifa): «Opzione interessante, ma mancano dati». Cosa dicono i virologi?

Mix vaccini contro il Covid, Popoli (Aifa): «Opzione interessante, ma mancano dati». Cosa dicono i virologi?
3 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Giugno 2021, 17:53

La possibilità di 2 dosi di vaccino  anti covid differenti sta venendo analizzata in questi ultimi giorni come soluzione per velocizzare il ciclo vaccinale nei paesi europei e nel mondo. Oggi la presidente della Commissione tecnico scientifica dell'Aifa, Patrizia Popoli ha parlato in merito alla possibilità di farsi due dosi differenti di vaccino: «Avere la possibilità di effettuare il mix di vaccini anti-Covid tra prima e seconda dose è un'opzione interessante e c'è un'ipotesi di un effetto incoraggiante, ma ancora non ci sono dati scientifici definitivi e pubblicati in merito». Poi Popoli ha anche rilevato che «fino a quando gli studi non verranno pubblicati non possiamo dire nulla di più e bisognerà valutare bene sia il profilo di efficacia che di sicurezza».

 

Cosa dicono gli studi per ora?

In un articolo su Lancel si spiega che il mix di vaccini anti-Covid, con una prima dose di AstraZeneca e la seconda con Pfizer, può determina un aumento delle reazioni avverse lievi come febbre, fatigue, mal di testa e dolori, con pochi svantaggi mitigabili con l'uso di paracetamolo. Si tratta tuttavia di uno studio ancora in fase di sviluppo ma Lancet dice anche che è rassicurante che tali sintomi siano stati di breve durata e per nulla preopccupanti, novità sono attese per giugno in merito. Si attendono quindi ulteriori dati per valutare la combinazione delle schedule vaccinali includendo i vaccini Moderna e Novavax.

Hub Unipol: la prima azienda a sostenere il piano vaccinale

Cosa dicono i virologi?

Il virologo Francesco Menichetti, primario di malattie infettive all'ospedale di Pisa ha commentato la possibilità di utilizzare un “cocktail” di 2 vaccini anti-Covid, che secondo gli esperti potrebbe indurre un'immunizzazione molto più efficace: «Il mix di vaccini non può essere una scelta primaria ma una soluzione di ripiego laddove chi ha fatto la prima dose con AstraZeneca non voglia fare la seconda dose». Anche Pregliasco si è detto favorevole all'utilizzo di 2 dosi di vaccino differente ed ha aggiunto in un'intervista: «mixare i vaccini servirebbe a velocizzare la campagna vaccinale, a semplificarla e avere garanzia per un eventuale richiamo di terza dose». 

Vaccini Covid, appello ONG per sospensione brevetti

© RIPRODUZIONE RISERVATA